Scontro incandescente tra Andrea Scanzi e l’ex direttore de La Padania, Aurora Lussana, a Otto e mezzo, su La7. Il tema focale è la Lega e la manifestazione romana con Casapound, movimento elogiato dalla Lussana. Scanzi analizza il cosmo leghista, definendolo un accrocchio bizzarro ed elencandone i fallimenti. E su Salvini osserva: “E’  un furbacchione, fa politica da 22 anni, non ha mai lavorato in vita sua, è uno dei politici più vecchi della Seconda Repubblica. La Lega è estrema destra che non ha niente di nuovo ed è uno dei massimi responsabili del disastro del centrodestra”. Gli animi si scaldano quando lo scrittore Antonio Pennacchi e Scanzi sottolineano che la piazza leghista a Roma era popolata da pochissime persone. Insorge la Lussana, che accusa i suoi interlocutori di essere “indignati di professione” e affetti dal “conformismo dei professionisti dell’antirazzismo”. E spiega: “Un anti-immigrazionista non è un razzista, ma non vuole che i popoli vengano sradicati dalla loro terra e non vuole assoggettarli a logiche neo-colonialiste e turbo-capitaliste”. “Ah, quindi affondiamo gli immigrati per il bene loro“, replica Pennacchi. “I vostri” – controbatte la Lussana – “sono solo strumenti per tentare di abbattere a livello antropologico e disumanizzare un progetto politico“. “Non sono io a doppiare Buonanno quando va in tv” – replica Scanzi – “non ce l’ho io nel mio partito gente come Borghezio o Gentilini o Calderoli. La storia della Lega è una storia di fascisti e di xenofobi.La feccia della società’ sono parole inaccettabili per cui in un Paese normale vai subito dritto in galera“. L’ex direttore de La Padania replica: “Allora denuncia Buonanno. Intanto a Piazzapulita ha preso un botto di applausi“. “Ah, beh, vantiamocene” – afferma Scanzi – “Inseguiamo l’applauso e cavalchiamo il peggio di questo Paese. Sei un genio, Lussanadi Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Buonanno offende Zucconi: “Venga con me in Libia, le do il pannolone”

next
Articolo Successivo

Scamarcio-Golino, l’attore: “Mi sposo? E’ ufficiale, ma non voglio parlarne in tv”

next