Non ce lo si aspetterebbe mai e invece è così: il Dalai Lama non è vegetariano. Mangia poco, ma un po’ di tutto. A raccontarlo è Gianni Tota, conosciuto come cuoco dei vip, ma soprattutto come personal chef del monaco buddista. “Quando è in Italia sono l’unico che può toccare il suo cibo. Scelgo io personalmente, insieme ai monaci, i suoi pasti”.

Gianni Tota, come ha conosciuto il Dalai Lama?
Io sono sempre stato ateo, non ho mai conosciuto la religione, fino a quando non l’ho incontrato. In quel periodo lavoravo per la famiglia Boscolo e il Dalai Lama soggiorna sempre da loro quando è in Italia.

E’ in quell’occasione che vi siete conosciuti?
Esatto. Un giorno sono stato chiamato dal Dalai Lama e lui mi ha raccontato cose di me che non sapeva nemmeno mia madre. Mi ha cambiato la vita.

Cosa è cambiato dopo quell’incontro?
Lui durante quel primo colloquio mi disse che dovevo fare qualcosa per gli altri. Io quindi sono sceso, sono andato in direzione e ho preso due mesi di aspettativa.

E dov’è andato?
Dai terremotati in Emilia Romagna. Gestivo il coordinamento dei viveri.

Passiamo ora alla dieta del Dalai Lama. Cosa mangia?
Mangia poco, ma un po’ di tutto. Non è né vegano, né vegetariano. Certo poi anche lui ha i suoi piatti preferiti.

Cioè?
Gli straccetti di vitello con i funghi, per esempio. Adora i funghi.

Qual è la giornata tipo del Dalai Lama?
Si sveglia alle 5 del mattino, beve te e mangia due biscotti senza burro. Poi entra in meditazione fino alle 7. Dopodiché esce dalla sua camera. Lui vuole sempre una stanza a 19 gradi di temperatura, non usa la coperta e tiene solo un lenzuolo ai piedi del letto. Ovviamente nella camera non ci sono né la radio né la televisione. Una volta finita la meditazione esce dalla camera e va a fare i suoi incontri diplomatici.

Dopo gli incontri torna in albergo e lei cucina per lui?
Sì, a mezzogiorno rientra in albergo e mangia un primo o un secondo abbinato con te e frutta. Beve moltissimo te.

Pranza insieme agli altri monaci?
No, non pranza mai con nessuno, rimane in camera da solo. Poi nel pomeriggio esce a fare incontri e alle 17 rientra in stanza. Beve ancora del te e mangia solitamente una fettina di torta.

Qual è la sua preferita?
La torta mimosa.

E dopo le 17?
Non esce più dalla camera. Rimane in meditazione dalle 17 alle 5.

Lei è l’unico che può cucinare per il Dalai Lama quando è in Italia, giusto?
Sì, ha poche persone che possono avvicinarlo e io sono uno di queste. Quando è in Italia e in Europa, io sono l’unico autorizzato a toccare il suo cibo. Vado a fare la spesa con i monaci che mi seguono. Loro devono guardare tutto. Pensi che nel periodo in cui lui è qua, io ho addirittura il telefono sotto controllo. C’è sempre molto timore di possibili attentati.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matias Perdomo, lo chef che ‘gioca’ in cucina apre il suo ristorante: “La felicità? Ha il sapore del caffè”

next
Articolo Successivo

Carne, cucinare (e mangiare) bene utilizzando tagli meno nobili: dal ‘reale’ al ‘cappello del prete’

next