Il Pd deve decidere una volta per sempre. Vuole cambiare verso e dare il buon esempio realmente? Bene, lo faccia veramente con atti concreti. Il caso De Luca in Campania non finisce mai di stancare e farci vergognare. Non è normale fare leggi importanti, come quella cosiddetta “Severino” sulle incandidabilità, e poi non farle rispettare durante le primarie di partito. Non è possibile concedere deroghe su questi aspetti importanti e delicati. Un politico deve avere il buon gusto di fare un passo indietro (anche se in presenza di una lacuna statutaria) e di capire che un condannato (se pur in primo grado) deve evitare di candidarsi alle primarie di partito.

E se questo non avviene il segretario deve d’imperio evitare che ciò accada. Nessuno può essere indispensabile ed unto dal Signore. Non ci sono scuse e giustificazioni. Non è tollerabile. Non è credibile. Potrà essere opinabile o meno una legge, ma se è in vigore deve essere applicata a tutti e di certo deve valere anche per le primarie del partito. Prima dei processi definitivi e delle condanne occorre avere la ragionevolezza per evitare comportamenti incoerenti e presuntuosi. Il Pd non può concedere strappi su determinate questioni.

Cosa ancor più grave è poi pensare di cambiare la legge Severino per favorire qualcuno o qualche amico di partito colpito da condanne per abuso d’ufficio. Insomma è ora di finirla con i soliti teatrini ridicoli. Persone che senza una poltrona non riescono a vivere. Una malattia di potere e politica che ha francamente stufato. La questione De Luca è stata già troppo trascurata in precedenza con le doppie cariche e i doppi ruoli. E questa cosa deve essere risolta una volta per tutte.

Perché o le regole valgono per tutti o è inutile riempirsi la bocca di belle parole ma prive di sostanza. Perché se così non è, come accade solo per alcune persone stranamente miracolate, allora si dica apertamente. L’ipocrisia è fastidiosa e svilente ma se aggiunta alla politica è ancor più irritante e irrispettosa. Per questi motivi il segretario Renzi prenda di petto la questione e non si nasconda. Faccia il segretario e dia rispetto per tutti. O come sempre il verso cambia solo per i nemici e non per gli amici.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Forza Italia, Repetti lascia il partito. E Berlusconi la invita ad Arcore con Bondi

next
Articolo Successivo

Lega Nord, Salvini insiste: “Bruxelles non ha olio di ricino, ma peggio del fascismo”

next