“Il caso Soria? Non sapevo neppure che esistesse. Ma i premi letterari sono una cosa abitualmente indecente, un dare e avere tra politica, gruppi editoriali, intellettuali di pronto utilizzo“. E’ il commento di Giampiero Mughini sullo scandalo scatenato da Giuliano Soria sui pagamenti in nero a politici piemontesi, giornalisti e attori di primo piano. “Anche il premio Grinzane Cavour era così” – continua lo scrittore – “correvano soldi a tempesta, tutti applaudivano, tutti erano contenti, ma non ricordo un solo articolo critico. Tutti erano tutti contenti, tutti a nota spese. E questa è l’Italia”. E aggiunge: “Tutti sono innocenti fino a prova contraria. Le parole di Soria non sono una sentenza della Corte di Cassazione. Ma l’argomento è saporito per via della combutta, non dico ‘mafiosa’ perché è eccessivo, tra certi intellettuali, certi signori che maneggiano il denaro pubblico, certi politici che fanno promozione del proprio ambiente. Sarebbe interessante vedere se questo fiume di denaro in nero c’è stato”. Mughini poi puntualizza: “In 30 anni mi è capitato tre volte che mi abbiano offerto del denaro in nero. E badate bene: io non ho mai chiesto un pagamento in nero nella mia vita” di Gianfo Franchi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Epatite C: il farmaco che salva la vita c’è, i soldi no

prev
Articolo Successivo

Caso Siae: l’autosospensione di Gino Paoli non è la soluzione

next