L’Oriana, a quanto racconta chi l’ha conosciuta, era un personaggio aspro, e tale è apparsa anche nella fiction, nonostante gli ovvi tentativi di ammorbidimento messi in campo dagli sceneggiatori. Si sa che l’aspro nella tv generalista non tira, ma proprio l’asperrimo personaggio dell’Oriana è apparsa su Rai Uno nella stessa collocazione serale che appena la settimana prima aveva decretato il trionfo (“Un passo dal cielo”) di Terence Hill nei panni dell’eroe-guardia forestale, un tipo che con le pacche sulle spalle ci va fortissimo.

Quanto basta per spiegare la scarsa tenuta del pubblico, che è andato perdendosi minuto dopo minuto: si è radunato curioso per la prima mezzora (17%), ma ha finito col restringersi fino al 14% verso la fine della prima puntata e lì è restato per l’intera seconda puntata.

Ma non è stata una fuga di massa che ha coinvolto ogni tipo di spettatore: quelli in fondo alla scala sociale se ne sono andati e, con loro in particolare, le donne sopra i 55 anni; ma i vertici della scala sociale, specie quelli caratterizzati da un forte capitale culturale, sono invece rimasti fino all’ultimo. Il che può non sorprendere visto che l’eroina era per l’appunto una esponente della medesima élite. Quel che sorprende è che in mezzo a tanta gente dei quartieri alti siano rimaste in platea a vedersi l’Oriana anche le ragazze e signore iperpopolari (lo zoccolo duro di “Uomini e Donne”, per capirci).

Cosa tiene insieme “Uomini e Donne” e l’interesse per l’Oriana? È solo merito degli addolcimenti melò (l’amore con Panagoulis che però la tradisce, l’idea dell’adozione, la gravidanza interrotta…) manovrati dagli sceneggiatori; oppure della tentante curiosità per una donna tutt’altro che “casa e famiglia” proprio da parte di donne che nella maggior parte vivono esattamente quella condizione e quella ideologia, ma che comunque sono ben lontane dalla cheta Lucia Mondella?

L’inaspettato ha sempre una ragione e qui, certo, la materia è effimera. Ma siccome i “segnali deboli” sono pur sempre segnali, qualcuno si domanderà di certo, d’ora in poi, quali altre sorprese sociologiche stiano apparecchiando le amiche che immaginiamo più affaccendate a mandare avanti la baracca della tradizione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforma Rai, “la più innovativa azienda culturale d’Europa”. Per davvero?

prev
Articolo Successivo

Libia, si alza il vento di guerra. (E porta con sé lo share dei talk show)

next