Assomigliano alle nature morte di Caravaggio le fotografie del maestro degli scatti enogastronomici, Renato Marcialis. L’omaggio non è solo all’artista del Cinquecento ma anche all’esposizione universale milanese, a pochi mesi dalla sua apertura. La mostra “Luci e ombre” guarda a Expo dal cuore della città meneghina: all’Urban Center, Galleria Vittorio Emanuele, fino al 26 febbraio, dalle 9 alle 18 e a ingresso gratuito, con aperture straordinarie sabato 21 e domenica 22.

Sono esposte le dodici fotografie del Calendario Epson 2015, che Renato Marcialis ha scattato ricordando in maniera vicinissima le nature mostre di Caravaggio e creando immagini di suggestiva bellezza. I soggetti degli scatti sono frutti e ortaggi, ma anche alimenti come pane e formaggio, che si raccordano con il tema conduttore di Expo 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” che prenderà il via a maggio. Nello spazio espositivo dell’Urban Center è presente anche un pannello dedicato al progetto “Calendario Epson” che, iniziato nel 2001 è giunto quest’anno alla quindicesima edizione, rende omaggio ai grandi maestri della fotografia italiana.

La tecnica di scatto utilizzata da Marcialis prevede immagini, contrassegnate da forti chiaroscuri, con vere e proprie pennellate di luce, con un effetto finale straordinariamente simile a quello ottenuto da Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, che nel Cinquecento creava i suoi dipinti illuminando i soggetti con una fonte di luce potente ma concentrata, capace di sottolineare i volumi di quanto rappresentato fino a farli uscire improvvisamente dal buio della scena. Gli evidenti contrasti fra le luci e le ombre coniugano potenza espressiva e sensazione di apparente semplicità.

Renato Marcialis, di origini veneziane, si è specializzato in fotografia enogastronomica e ha collaborato alla realizzazione di circa cento libri, ricettari e cataloghi. Dalle sue sperimentazioni sulla luce è nato il progetto “Caravaggio in cucina“: qui le fotografie dominate da luce, ombre e chiaroscuri, ingannano piacevolmente chi le guarda per la loro sorprendente somiglianza con i dipinti a olio.

www.puntarellarossa.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barbera, da luglio 2016 le prime bottiglie di Nizza Docg

next
Articolo Successivo

Vini, Val D’Aosta, Piemonte e Calabria: tre splendidi rossi da scoprire

next