Cucina naturale vuol dire cucina sostenibile, per la salute e per il pianeta. Di questo parleranno per un’intera giornata gli ospiti che si alterneranno sul palco di Identità Golose 2015, il congresso internazionale di cucina che si tiene a Milano dall’8 al 10 febbraio e che saranno protagonisti di “Identità Naturali”. Il giorno di apertura, domenica 8, è dedicato anche all’introduzione del tema della undicesima edizione dell’evento: “Una Sana Intelligenza”. Dopo la “Golosa Intelligenza” dello scorso anno, stavolta i grandi chef stranieri insieme a quelli padroni di casa spiegheranno come fanno a coniugare la golosità di un piatto con il suo essere salutare. Gola e benessere possono infatti andare a braccetto: a svelare i retroscena ai fornelli di piatti tanto belli quanto buoni (non solo al palato ma anche per la salute di chi li mangia e del pianeta) saranno famosi nomi della gastronomia internazionale, a partire da Alain Ducasse.

Nella sezione “Identità naturali” gli chef non realizzeranno soltanto piatti a base di verdure: l’obbiettivo è principalmente la creazione di pietanze gustose e bilanciate a livello nutrizionale. Non esiste una definizione univoca di cucina naturale e proprio per questo ogni anno all’interno di Identità Golose se ne parla, confrontando diversi punti di vista, o meglio diversi modi di interpretare l’idea di cucina sostenibile. Fra questi: l’equilibrio fra gli ingredienti, l’uso di materie prime poco lavorate, le tecniche di cottura impiegate.

Tra i protagonisti di questa edizione Simone Salvini (Organic Academy) che presenterà i legumi in maniera del tutto originale, Loretta Fanella (Pasticciere consulente) con i suoi dessert salutari e pensati anche per chi è intollerante o allergico ad alcuni alimenti, la chef vegana e crudista Daniela Cicioni. Ci saranno anche Fabio Abbattista (Leone Felice – Erbusco, Brescia), pronto a stupire il pubblico con tre ricette dai sapori territoriali, Simone Tondo (Roseval – Parigi), che si concentrerà sulla ricerca del cromatismo a tavola e delle proprietà degli alimenti legate ai loro colori.

I vegetali avranno un posto d’onore nell’alta cucina grazie all’intervento di Sergio Bastard (Casona del Judío – Santander, Spagna). Le pizze naturali e i dolci senza zucchero di Matteo Aloe (Berberè – Bologna) e la cucina a base di legumi e ortaggi della chef Femke van den Heuvel (VlamindePan – Haarlem, Olanda) accompagneranno verso l’ultima performance, quella di Cristina Bowerman (Glass Hostaria – Roma), che parlerà delle conseguenze della scomparsa delle api sugli ecosistemi naturali.

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano Food & Wine Festival 2015, la cucina d’autore guarda all’Expo

next
Articolo Successivo

Parkour (parte seconda): tra realtà virtuale e presa diretta

next