di Carblogger.it

Il car sharing non è uguale per tutti. Prendiamo l’industria premiumMercedes ha da tempo lanciato il suo Car2go, attivo in 28 città con un totale di più di 11.500 Smart bianco e azzurre e oltre 1 milione di clienti nel mondo. Il Car2go si inserisce nel progetto Moovel: con un’app, Daimler ti indica il modo migliore per raggiungere la destinazione. E non sempre l’auto privata è vincente.

Più soft la strategia di Bmw con il servizio DriveNow, attivo solo in 5 città tedesche (Monaco, BerlinoDüsseldorf, Colonia e Amburgo) e a Vienna e San Francisco: 360 mila clienti e una flotta di 3 mila vetture, Bmw e Mini. A primavera si aggiungerà Londra, una città che invece Car2go ha abbandonato, inizialmente con 30 elettriche i3 per poi arrivare a 300 auto totali.

Incerta invece Audi. Oppure più che sicura. Fate voi. Luca De Meo, membro del Board e responsabile marketing e vendite Audi, mi ha detto recentemente che  “con il car sharing non si fa business“. Almeno come è stato pensato fino ad ora.

Ecco perché il gruppo di lavoro di De Meo ha un’altra idea: “Il car sharing per come lo vediamo noi deve diventare un servizio aggiuntivo per i nostri clienti“. Nulla da fare quindi per il servizio pubblico aperto a tutti adottato dalle rivali Mercedes e Bmw. Tre le strade intraprese fino a oggi da De Meo: l’Audi Select e il Corporate Car Sharing a Berlino e l’Audi Unite a Stoccolma. Tre forme differenti basate sulla condivisione di diverse auto tra un unico cliente, tra dipendenti della stessa azienda oppure di un acquisto di una stessa auto fatto da più persone.

La sfida fra Audi, Bmw e Mercedes per la conquista del primato mondiale del mercato premium si gioca insomma anche sul car sharing: chi vincerà?

Twitter @carblogger_it

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se Toyota fa la carità: il ‘kaizen’ in cucina

next
Articolo Successivo

Le auto del futuro guideranno da sole, in un ingorgo permanente

next