La Corte dei conti ha condannato l’ex presidente della Regione Sardegna, Renato Soru, attuale europarlamentare e segretario del Pd sardo, il suo ex assessore dei Lavori pubblici, Carlo Mannoni e l’ex direttore generale Fulvio Dettori per un danno alle casse pubbliche di oltre 800mila euro, causato dal tentativo di salvataggio della società Hydrocontrol, l’azienda che nel 2007 venne acquisita dalla Regione ma liquidata qualche tempo dopo.

Dichiarata prescritta, invece, la posizione dell’attuale governatore Francesco Pigliaru, all’epoca assessore della Programmazione, chiamato in giudizio dalla Corte dei Conti in un secondo momento.

L’azienda di Poggio dei Pini, a Capoterra (Cagliari), specializzata nella realizzazione di sistemi idrici, era stata trasformata in società in house con una delibera della Giunta del 12 luglio 2007. Proprio gli 832.637 euro utilizzati dalla Regione per la ricapitalizzazione – hanno anticipato i quotidiani L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna – sono stati contestati dalla procura della Corte dei Conti che aveva incolpato inizialmente l’ex presidente Soru, il suo vice e l’ex direttore generale.

A processo iniziato, poi, era scattata anche l’incolpazione dell’allora assessore alla Programmazione, Francesco Pigliaru. Il tentativo di salvataggio della Hydrocontrol è stato giudicato dai giudici erariali un danno per colpa grave: Renato Soru dovrà dunque pagare il 40% di quella cifra (337.054 euro), mentre Mannoni il 20% (168.527 euro) e Dettori (290.265 euro), calcolati con un 20% di quota più l’ammontare di un finanziamento non restituito dalla società in house.

L’avvocato Michele Schirò ha annunciato ricorso in appello per l’ex assessore Mannoni. Lo stesso potrebbe fare il legale Giuseppe Macciotta, difensore di Soru, mentre Dettori non aveva nominato difensori.

AGGIORNAMENTO DELLA REDAZIONE
Come si legge negli articoli pubblicati sul sito e che se ne sono occupati, in occasione della sentenza d’appello nel maggio 2017 Renato Soru è stato assolto dalla corte d’appello di Cagliari con formula piena da tutti i reati contestatigli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fisco, il Parlamento verso proroga tempi per l’attuazione della delega

next
Articolo Successivo

Usa, a dicembre tasso disoccupazione al 5,6%. Il minimo da giugno 2008

next