“Sono nascosto al primo piano. Credo che abbiano ucciso tutti. Dite alla polizia di intervenire”. Lilian, 27 anni, aveva spedito ai famigliari questo sms mentre si trovava in uno scatolone nella stamperia a Dammartin-en-Goele. Un messaggio inviato mentre l’edificio era stato preso dai fratelli Said e Chérif Kouachi, autori della strage nella redazione di Charlie Hebdo, che ha causato 12 morti.

Un assedio iniziato la mattina del 9 gennaio e terminato nel tardo pomeriggio con la morte dei due attentatori. Che, secondo Le Figaro, credevano di essere soli all’interno dello stabile. Ma Lilian era ancora dentro. Era lui l’ostaggio di cui per tutta la giornata hanno parlato i media internazionali, anche se lo era all’insaputa dei due sequestratori.

A dare la notizia è il sito di Le Figaro. Il quotidiano francese riferisce che la famiglia del 27enne che si trovava all’interno della tipografia con i due assalitori aveva tentato invano di contattarlo tra le 9 e le 11. Il padre, angosciato, aveva poi ricevuto l’sms del figlio che chiedeva di avvertire le forze dell’ordine.

Nella cronaca ora per ora, il giornale alle 11.46 scriveva che non vi era traccia del giovane. “Il nostro giornalista sul posto – si legge sul sito – ha incontrato degli amici di un impiegato di 27 anni che non avevano notizie di lui. Secondo loro, la famiglia non è riuscita a raggiungerlo, né al telefono né via mail. Doveva essere all’interno dell’azienda Création tendance découverte nel momento in cui è iniziata la presa degli ostaggi”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo, ecco i legami tra i terroristi. “Algeria allertò Parigi il 6 gennaio”

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, ore di paura a Dammartin. “Non sapevamo nulla dei nostri figli”

next