La sinergia fra il mondo dell’architettura e quello del vino è racchiusa nella mostra ospitata a Merano Arte dallo scorso novembre e visitabile fino a domenica 11 gennaio. “Architettura e vino in Mitteleuropa” è un viaggio attraverso scatti fotografici e lavori multimediali alla scoperta delle “cattedrali del vino”, 38 cantine selezionate che corrispondono ad altrettante aziende vinicole di Paesi al confine tra Europa occidentale ed Europa orientale.

L’Alto Adige, la Stiria, il Burgenland e la Bassa Austria hanno dimostrato come, in riferimento al settore del vino, l’architettura di alta qualità possa rivelarsi un fattore trainante per lo sviluppo e il turismo di una regione. Delimitata a nord dal Mar Baltico e a sud dalle Alpi, qui il clima temperato favorisce la viticolture e crea un legame concettuale fra i territori rappresentati nella mostra.

Alle cantine vinicole presenti in Alto Adige, Austria, Ungheria, Slovenia, Slovacchia, Repubblica Ceca e Germania, hanno collaborato architetti esperti e committenti internazionali. Il risultato sono luoghi che rispecchiano tendenze di design innovative e che al contempo si adeguano al contesto storico e paesaggistico che li ospita. Otto le diverse zone di produzione, dal Burgenland austriaco all’Alto Adige, dal Tirolo alla Slovacchia, dalla Repubblica Ceca all’Ungheria, fino alla Germania e alle rive del Baltico.

Accanto alle fotografie e ai progetti che documentano la creazione delle diverse cantine, la mostra realizzata dalla Galleria Jaroslav Fragnera di Praga comprende piccole porzioni di terre provenienti dalle colture presentate e tre bottiglie rappresentative del tipo di imbottigliamento e produzione delle singole aziende. Coltivazione, produzione e fruizione del vino sono gli aspetti di un’esperienza complessiva che vengono narrati attraverso le suggestioni che la mostra propone.

Inoltre, in corrispondenza di ognuno dei 38 progetti – quattro quelli italiani, dall’Alto Adige: le cantine di Nals-Margreid, Colterenzio, Termeno e il Winecenter di Caldaro – è a disposizione un dispositivo che permette di approfondire la realtà architettonica e produttiva di ciascuna cantina: un’occasione per esplorare i luoghi del vino e conoscere le realtà dei territori mitteleuropei di produzione vinicola, tra sperimentazione e tradizioni millenarie.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Erotismo: il bacio come elogio al desiderio

prev
Articolo Successivo

Ricetta, i biscotti di Capodanno? Dorati grazie allo “zafferano d’India”

next