Almo Bibolotti, finalista di MasterChef3, ha dato sfogo a  tutta la sua “pugliesità” in uno showcooking a Breri, in via Pontaccio 5 a Milano. Le ricette per il suo cenone di Capodanno sono quelle tradizionali baresi: polpo, orecchiette con le cime di rapa e “brasciuola” al sugo. Il tutto rivisitato a modo suo, pur mantenendo la bontà degli ingredienti tipici e semplici. Bibolotti ha detto a ilfattoquotidiano.it: “Sulla mia tavola, durante le feste, non può mancare il colore”. Ecco le tre preparazioni di Almo e dello staff di Breri.

Incontro a metà strada tra polpo e gazpacho rivisitato e profumi d’oriente
Ingredienti per 4 persone:

1,2 kg di polpo
2 spicchi d’aglio
un peperone rosso
un peperone giallo
2 porri
8 zucchine verdi
3 pomodori ramati
2 cipolle medie dorate
1 peperoncino piccante
150 g di stracciatella
250 g di zucchero di canna
1,5 l di aceto di mele
menta abbondante
prezzemolo a ciuffi
olio q.b.
sale q.b.

Procedimento: prendete il polpo, tagliatelo a pezzetti e fatelo rosolare in pentola con olio e aglio in camicia schiacciato. Una volta che il polpo prende colore, toglietelo dal fuoco. In una padella mettete olio, prezzemolo sminuzzato, una cipolla tagliata a pezzi, 2 pomodori ramati, pepe in grani e l’aceto (la quantità varia a seconda di quanto si apprezzi il sapore agrodolce del gazpacho). Coprite e cuocete per un’ora e mezza a fuoco lento. Intanto in una padella far imbiondire la cipolla nell’olio, tagliare la parte bianca delle zucchine e far rosolare. Aggiungere peperoncino e un bicchiere di acqua. Cuocere per 10 minuti. Per il gazpacho: sbollentare per 2 minuti 3 pomodori ramati, tuffarli in acqua e ghiaccio e ottenere una concassè di pomodoro. Riunite concassè, zucchine e peperoni precedentemente abbrustoliti in forno alla pentola con la base per il gazpacho. Cuocete per 10 minuti e aggiungete il sale. Frullate tutto e setacciate. Nel frattempo marinate la zucchine facendo sciogliere lo zucchero di canna nell’aceto di mela. Mettere in infusione la menta, i porri a pezzi e inserire le zucchine tagliate a listarelle. Aggiungete un bicchiere di acqua e lasciate marinar per 2 ore. Eliminate i profumi, sciacquate in acqua fredda gli spaghetti di zucchina e asciugatele bene. Impiattate mettendo sul fondo il gazpacho, posizionando gli spaghetti di zucchina sopra e la stracciatella. Aggiungete il tentacolo di polpo e la menta.

Orecchiette e rape con bottarga di muggine e peperone zafarano crusco croccante
Ingredienti

4 pomodori zafarano crusco
320 g di orecchiette
1 kg di cime di rapa
3 spicchi d’aglio
1 peperoncino
olio q.b.
4-5 filetti di acciuga
bottarga di muggine

Procedimento: prima di iniziare con la preparazione della pasta e delle cime di rapa immergete i pomodori zafarano crusco in olio bollente, fino a che non si gonfiano. A quel punto toglieteli dal fuoco. Portare l’acqua ad ebollizione in una grande pentola. Calare le cime di rapa e dopo 5 minuti anche le orecchiette. In una padella mettere olio, l’aglio in camicia, il peperoncino e 4-5 filetti di acciuga. Aggiungere 4 pomodorini rossi pachino a metà. Scolare cime di rapa e pasta un minuto in anticipo sulla cottura. Far saltare tutto in padella. Aggiungere un filo di olio a crudo, il pomodoro zafarano crusca sbriciolato e una grattata di bottarga di muggine.

Brasciuola di carne al sugo
Ingredienti

800 g di carne di bovino
1 l di passata di pomodoro
formaggio grana o pecorino
8 fette di pancetta tesa (se piace)
1/2 bicchiere di vino bianco
prezzemolo
cipolla
carota
sedano
pepe
aglio

Procedimento: stendete le fettine di carne, su un piano di lavoro. Insaporitele con in po’ di prezzemolo tritato, sale, pepe e formaggio. Stendete se preferite la pancetta tesa, su ciascuna fetta e arrotolatele, ottenendo un grosso involtino. Chiudete con uno o più stecchini l’ estremità e tenete da parte. In una pentola con 50 g di olio e una generosa cucchiaiata di battuto di verdure, dopo un paio di minuti, versate le braciole, giratele più volte e sfumatele con mezzo bicchiere di vino bianco. Poi unite la passata di pomodoro e lasciate cuocere a fiamma molto bassa per 4 ore. Durante la cottura, se il sugo dovesse risultare ristretto, aggiungete un po’ di acqua. Spegnete, regolate di sale e servite. Consiglio: gustare le braciole con un buon piatto di pasta fatto in casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ricette, “Erbacce: come cucinare con erbe e fiori”. Manuale per stupire ai fornelli

next
Articolo Successivo

Menù di Capodanno, la tradizione siciliana con qualche piccolo “diversivo”

next