Un micro mondo con una micro protagonista. È stato girato il primo nanofilm: ha come protagonista una proteina in movimento ripresa grazie al più potente laser a raggi X al mondo, attivo presso l’acceleratore lineare di Stanford (Slac) in California. Le immagini, descritte sulla rivista Science, mostrano in slow-motion i movimenti della molecola mentre cambia repentinamente forma, riuscendo a cogliere tutti i dettagli di ogni suo atomo. Una svolta importante per la biologia, e in particolare per lo studio dei tumori, per lo sviluppo di nuovi farmaci e della fotosintesi artificiale, utile a produrre energia ‘pulita’.

La protagonista di questo nanofilm è la proteina Pyp (photoactive yellow protein), presente in alcuni batteri capaci di fare fotosintesi: si tratta di un recettore sensibile alla luce blu che, quando viene colpito da un impulso luminoso, si attiva cambiando conformazione. Per le ‘riprese’, questa proteina si è messa in posa all’interno di un microscopico cristallo, con un diametro inferiore a 0,01 millimetri, che è stato poi inquadrato dall’obiettivo del laser a raggi X più potente del mondo, il Linac Coherent Light Source (Lcls) dello Slac in California. Una volta dato il ‘ciak’, la proteina Pyp è stata illuminata da un particolare ‘riflettore’, ovvero un impulso di luce blu, che l’ha attivata inducendola a cambiare forma.

Grazie ai raggi X super veloci e potenti del laser Lcls, i ricercatori statunitensi dell’università dell’Arizona, di Milwaukee-Madison e i tedeschi del sincrotrone Desy ad Amburgo, sono riusciti a catturare immagini ad altissima risoluzione spaziale e temporale. “È straordinario poter assemblare un vero film molecolare del fotociclo di questo recettore batterico per la luce blu osservato con una risoluzione atomica, con le strutture intermedie che appaiono e scompaiono nella giusta sequenza”, afferma John Spence dell’università dell’Arizona. ”È un grande passo avanti – aggiunge – che aiuterà anche la ricerca sulla fotosintesi artificiale”. Ma non solo: il successo ottenuto con questo primo esperimento apre nuovi scenari per quelle che i ricercatori definiscono come “le grandi sfide della biologia”.

Le proteine, infatti, sono coinvolte in ogni processo che avviene all’interno degli organismi viventi, e giocano un ruolo centrale non solo per la salute dell’uomo, ma anche in altri ambiti come quello del cibo, dei farmaci e dell’energia. Grazie a questa nuova metodologia di indagine, aggiunge Schmidt, “vogliamo capire le basi molecolari della vita”.

L’abstract dello studio su Science

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino antinfluenzale: su dati, mortalità e… fede

next
Articolo Successivo

Marte, in un video della Nasa com’era il Pianeta Rosso 4 miliardi di anni fa

next