Un mese di musica, folklore, spettacoli e mercatini dove assaggiare le eccellenze gastronomiche del Trentino Alto Adige. Succede anche quest’anno, come da oltre due decenni ormai, nel piccolo centro di Miola, frazione di Baselga di Pinè in provincia di Trento. Abitato da poco più di mille persone, il paesino sull’Altopiano di Pinè si trasforma e diventa “El Paés dei Presepi”. Questo il nome della manifestazione che comincia sabato 6 dicembre e prosegue fino all’Epifania, nel nuovo anno.

Ad essere vestiti a festa e illuminati saranno gli antichi portici, le finestrelle delle stalle e le fontane storiche. Il programma dell’iniziativa comprende concerti itineranti, giochi per bambini, spettacoli folcloristici e un mercatino natalizio nel quale sarà possibile acquistare prodotti eno-gastronomici e artigianato artistico. Per i bambini, nella Piazza di Babbo Natale, laboratori creativi e letture guidate. Grazie alla partecipazione di tutti gli abitanti, nella cittadina vengono allestiti più di cento presepi realizzati a mano – di particolare rilievo il presepe mobile nel centro cittadino, il presepe luminoso e la grotta del presepio – che creano la magica atmosfera che ogni anno a Miola attira numerosi visitatori. Le iniziative, quest’anno, si estendono anche alle vicine Tesero e Cavalese. L’Associazione Amici del Presepio di Tesero realizza un presepe a grandezza naturale e una mostra all’aperto con quasi cento presepi che arricchiscono in maniera suggestiva le piazze, le cantine e le finestre della città.

Nel weekend dell’Immacolata, in tutte le domeniche successive e poi per l’intero periodo che va dal 26 dicembre al 6 gennaio, il centro di Miola ospiterà concerti di cori alpini e bande itineranti, spettacoli e giochi. Fra questi, “Il gioco dei presepi”, una sorta di caccia al tesoro alla scoperta di oggetti misteriosi nascosti fra i presepi: chi ne scova almeno la metà riceve in premio una tazza ricordo e un biglietto di ingresso per lo Stadio del Ghiaccio. In piazza S. Rocco, dedicata al santo patrono, i turisti saranno accolti da un punto ristoro dove si poter assaggiare le specialità locali e scaldarsi bevendo vin brulé o tè caldo. Appuntamenti per i più golosi: la rassegna gastronomica che coinvolge i ristoranti della zona, la “Festa del canederlo” domenica 7 dicembre e la “Festa del tortel” domenica 4 gennaio. Per concludere in bellezza, l’Epifania sarà al ritmo di marcia con “Befana sprint”, a partire dalle 15.30. Tutti invitati, purché adeguatamente travestiti da befane.

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musei del Cibo a Parma, 20mila visitatori in 11 mesi

next
Articolo Successivo

“I love IT”, a Torino l’eccellenza del made in Italy

next