Niente carcere o decapitazioni, ma soldi alle start up di ex terroristi per tenerli lontani dal jihad. L’idea dell’Istituzionale nazionale per l’imprenditorialità dell’Arabia Saudita (Riyadah) è in controtendenza con il pugno duro che i Paesi, sia occidentali che del Golfo, hanno deciso di adottare contro i miliziani jihadisti. Una decisione che ha l’obiettivo, come riporta il quotidiano saudita Saudi Gazette, di dare slancio all’imprenditoria innovativa, aumentare la consapevolezza culturale dell’imprenditore, superare gli ostacoli posti dal mercato e soprattutto frenare il reclutamento da parte dei gruppi fondamentalisti che operano in Medio Oriente consolidando la scelta di chi ha abbandonato l’esperienza radicale.

A sostenere l’iniziativa ci sono anche sei aziende saudite: Sabic, Saudi Aramco, Stc, Alinma Bank, Saudi Credit e Savings Bank, e Tvtc. Il progetto portato avanti da Riyadah va avanti ormai da mesi e molti imprenditori hanno aderito all’iniziativa dell’istituto. L’esperimento è una replica di un progetto tentato già l’anno scorso, con gli startupper che, nell’occasione, dimostrarono “una forte disciplina, tolleranza per nuove sfide imprenditoriali e motivazione”.

Quella di Riyadh non è però la prima iniziativa di questo genere. A settembre, in Danimarca, la città di Aarhus aveva dato il via a un progetto di riabilitazione per jihadisti “pentiti”. Il progetto prevedeva che agli ex combattenti venissero offerte cure mediche, recupero psicologico, la ricerca di un’occupazione e il proseguimento degli studi. “Ciò che facciamo è garantire loro accoglienza nel momento in cui tornano a casa e reinserirli nella società”, aveva spiegato ad Al Jazeera Steffen Nielsen, esperto di criminalità e membro della task force, garantendo anche la non incriminazione delle persone che decidevano di entrare nel programma di riabilitazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis: troppe le armi Usa perse in guerra

next
Articolo Successivo

“Google Tax”, Uk tassa al 25% gli utili fatti all’interno del Paese

next