Non vi indignano quegli ecomostri che da soli dicono tutto sull’inadeguatezza, e molte volte sulla corruzione di chi amministra questo Paese?

 

Due milioni di fantasmi (gli edifici in abbandono) e quattrocento mila mostri urbani (gli ecomostri) che reclamano il loro posto nelle nostre vite e che troppo spesso si tende a ignorare, magari passandoci davanti tutti i giorni, per non dover pensare a un problema in più.

 

Allora, ci siamo chiesti, perché non focalizzare l’attenzione di questi artisti proprio sugli edifici più brutti o degradati d’Italia?

 

L’abbiamo fatto.
Prenderemo un “mostro” a settimana e lo affideremo a un’artista dell’Urban Art, chiedendogli di mostrarci in che modo lo “rifarebbe” e ogni lunedì potrete vedere il risultato nelle due pagine centrali de Il Fatto Quotidiano.

 

Certo, quest’operazione di maquillage attraverso un bozzetto grafico non sarà una soluzione definitiva, ma di sicuro potrà diventare una buona occasione per far conoscere il “mostro” e per discutere di lui e della sua sorte.

 

Seguici sulla pagina http://www.facebook.com/RiFatto, e condividi con noi altri mostri urbani. Sarà un primo grande passo da fare assieme per denunciare abbandono e degrado e per riprenderci la bellezza.

 

Invia la tua foto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Programmi tv stasera, TeleFatto: Announo, X Factor 8 e Zelig

prev
Articolo Successivo

Victoria’s Secret, gli “angeli” invadono Londra: da Adriana Lima a Taylor Swift

next