La Cgil ha spostato la data per andare incontro alle richieste della Uil e allargare così il fronte della mobilitazione. Ma il giudizio dell’Autorità di garanzia sullo sciopero generale del 12 dicembre diventa ancora più severo rispetto a quello emesso per l’astensione dal lavoro convocata in precedenza per il 5: non dovranno essere toccati, a livello nazionale, né il trasporto aereo né quello ferroviario, mentre a livello territoriale non potranno scioperare i dipendenti delle società di trasporto pubblico del Lazio e della Sicilia e nemmeno di quelle di Crotone, Firenze, Potenza e Trento.

In caso contrario, scrive la commissione di garanzia in una nota che sottolinea l'”irregolarità formale della proclamazione”, “nel trasporto ferroviario non verrebbe rispettata la regola dell’intervallo minimo di dieci giorni tra scioperi nello stesso settore, a causa di una precedente proclamazione per il 13 e 14 dicembre prossimi. Quanto al trasporto aereo, è stata precedentemente comunicata un’azione di sciopero del personale Enav per il 15 dicembre prossimo, relativa al centro aeroportuale di Fiumicino“, che è “considerato dalla normativa di riferimento di rilievo nazionale e, dunque, preclusivo di altri scioperi ad un intervallo inferiore a dieci giorni”. Infine “per le medesime ragioni, legate a scioperi precedentemente proclamati, devono essere escluse dallo sciopero generale alcune città italiane, con riferimento al settore del trasporto pubblico locale: Cotral del Lazio, Ataf di Firenze, F.lli Romano di Crotone, Cotrab di Potenza, Ast della Sicilia, Trentino Trasporti di Trento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Call center, sciopero nazionale. Mobilitate anche le aziende

prev
Articolo Successivo

Diritto al lavoro, una società non violenta non può non garantirlo

next