La migliore in assoluto è la Mercedes-Benz SLK, ma in cima all’affidabilità di quattro segmenti su cinque ci sono auto tedesche: le “stellate” GLK (Suv) e Classe C (medie), Audi A3 (compatte), Opel Meriva (monovolume). L’unica straniera è giapponese: Mazda2 è prima fra le piccole. Non si tratta dell’ennesimo titolo assegnato dai lettori di questa o quella rivista, ma del risultato dell’analisi di oltre 8,5 milioni di revisioni effettuate in Germania dal Tüv (l’organizzazione delle ispezioni tecniche) tra il 2013 ed il 2014 su 226 modelli: 18 verifiche suddivise in quattro grande categorie, freni, telaio (incluse le sospensioni), impianto di illuminazione e rispetto dell’ambiente. Il Report 2015 rileva come sul 63,9% delle auto esaminate non siano state trovate irregolarità. Sul 23,5% delle auto sono stati riscontrati problemi, in leggero calo rispetto alla ricerca precedente. Il 40% delle auto, fa sapere il TÜV, ha oltre dieci anni di anzianità.

Il primato assolto della SLK è legato alla irrisoria percentuale di auto con difetti rilevata durante l’obbligatoria verifica periodica dei modelli fino a 3 anni di anzianità: solo il 2,4%. La roadster tedesca ha scalzato dal podio Opel Meriva, che comandava la classifica di affidabilità nel 2014 (4,2%). L’ente precisa che SLK ha una scarsa percorrenza: appena 26.000 in tre anni, la metà della media di quelle esaminate nella fascia. Nella top 5 precede Audi A6 (62.000 km con un quota di difetti del 2,9%), GLK, Porsche 911 e Bmw Z4.

La Porsche 911 è una vera certezza perché compare tra le auto con meno difetti in tutte le classifiche, anche se sempre con percorrenze relativamente basse: seconda in quella fra i 3 ed i 5 anni di anzianità dietro a Mazda3, e prima nelle altre tre: 6/7 anni (davanti a Mazda2 e VW Golf Plus), 8/9 anni (Toyota Corolla Verso e Toyota Rav4 seconda e terza) e 10/11 anni (sul podio anche Subaru Forester e, di nuovo, Toyota Rav4).

I modelli italiani si ammassano in fondo alla classifica. Fra quelli più giovani, la Fiat 500 (con soli 31.000 chilometri medi, gli stessi della Porsche 911) è 122° con il 13,4% di auto con problemi, Punto 124°, Panda 127° e Alfa Mito 128°. La graduatoria si ferma a 129, dove c’è Dacia Logan (15,7% di difetti e 50.000 km medi). Fra le auto fino ad un lustro, la Fiat Bravo è 115° con il 20,3%, la Panda 119° e il Doblò addirittura ultimo (25,8%, ma anche 82.000 km, 8.000 più della media). Il Doblò migliora un po’ nella classifica fino a 7 anni: si trova in 108° posizione (su 111) in compagnia di una impressionante serie di modelli francesi come Citroën Berlingo, Peugeot 307, Citroën C4 e C5, Renault Kangoo, Dacia Logan e Renault Laguna (ultima). Fra le vetture fino a 9 anni, nelle ultime dieci posizioni di sono Alfa Romeo 147, Fiat Doblò e Fiat Stilo. E non può certo consolare che la peggiore (43,2% di modelli “difettati”, anche se con una percorrenza nettamente superiore alla media, 152.000 contro 118.000) risulti la Mercedes Classe M, che è ultima anche fra le auto fino a 11 anni con la Fiat Stilo penultima (78° posto), Volkswagen Sharan terzultima e Ford Galaxy quartultima.

Questi dati fanno capire perché i tedeschi si non si facciano troppi problemi a separarsi – come aveva certificato Entsorgung Punkt DE GmbH nei primi sei mesi del 2014 – dalle auto italiane, cioè a rottamarle. Il ciclo di vita oscilla fra i 16 anni di Fiat ed i 14 di Lancia e Alfa Romeo. Fiat, che nonostante in Germania abbia una quota di mercato di poco superiore al 2% è il quinto brand più rottamato dopo Ford, Volkswagen (26 anni di longevità media), Opel e Renault.

Non c’è da stupirsi nemmeno se anche i ladri tedeschi si allontanino da Fiat e da Renault. Se in Italia Panda rimane l’auto più rubata davanti a Punto e 500, in Germania secondo una recente indagine dell’associazione delle assicurazioni (GDV) nel corso del 2013 erano sparite” appena” 197 Fiat, il 4,1% in meno rispetto al 2012 (la flessione sul mercato era stata del 5,8%). I furti di Renault sono calati addirittura del 19,5%. I marchi preferiti dai ladri sono naturalmente quelli domestici: Volkswagen (+3,1% quasi 6.000 denunce), Audi (+24%, poco meno di 2.900) e BMW (-3,8%). I possessori di Land Rover sono quelli che devono stare maggiormente in guardia, perché ai ladri il brand interessa: i furti sono lievitati del 540%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consumi ‘falsi’, in America multa record per Hyundai e Kia. Che però rilanciano

next
Articolo Successivo

Top manager e grandi azionisti dell’auto sommersi dai soldi, la crisi non è per tutti

next