Dimissioni, dimissioni, paga le multe“. Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, viene accolto così in Aula Giulio Cesare da un gruppo di manifestanti che partecipa al Consiglio, dove il primo cittadino riferisce sul caso delle multe comminate alla sua Panda e dovute al mancato rinnovo del permesso di circolazione nelle zone Ztle non pagate. “Chi si aspetta le mie dimissioni si sbaglia, la nostra battaglia per Roma va avanti, ci sono poteri forti che vogliono ostacolarci“, si difende Marino che parla “di un caso montato ad arte“. “La mia Panda rossa – prosegue – sta diventando più pericolosa di un cacciabombardiere“. E poi annuncia di aver pagato le multe: “Sono soldi che andranno nelle casse comunali e non all’ufficio contravvenzioni”  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padova, il sindaco Bitonci querela Laura Puppato e Il Fatto: “Lesa reputazione”

prev
Articolo Successivo

Jobs act, ok al nuovo articolo 18. Opposizioni se ne vanno da commissione per protesta

next