Non si pente e non ha intenzione di chiedere scusa. Ernesto Carbone (deputato Pd) sottoscrive in pieno i 140 caratteri del suo tweet sullo sciopero-ponte della Cgil, proclamato per venerdì 5 dicembre. “Di lunedì avrebbe avuto una valenza maggiore, io ho il massimo rispetto per i sindacati, ma questo è il mio pensiero, il 90% degli scioperi è previsto nel fine settimana, perché?” afferma l’onorevole del Pd. Se la Cgil si prepara allo sciopero a ridosso dell’Immacolata, alla Camera è giovedì, il giorno della fuga da Roma. I parlamentari con i trolley in mano sono in partenza già dal primo pomeriggio. “Non è vero che lavoriamo dal martedì al giovedì, si vota in quei giorni, ma io lavoro tutta la settimana, nel territorio” specifica il deputato democratico Matteo Colannino. “Non facciamo il ponte lungo ogni settimana, io sono qui dal lunedì al venerdì, adoro il mio lavoro e voglio svolgerlo al meglio – dichiara ancora Carbone – non so cosa fanno gli altri mie colleghi, siamo 630, ognuno risponde alla sua coscienza”. Chi ha peccato scaglia la prima pietra, si potrebbe dire. In effetti la produttività del Parlamento italiano è tra le più basse in Europa. “Si lavora due giorni e mezzo alla settimana, chiederemo ai parlamentari di lavorare di più, anche il sabato e la domenica” aveva dichiarato nel settembre scorso la ministra Maria Elena Boschi. “Io lavoro settanta ore a settimana, non so se il ministro conosce  cosa significa stare nel territorio” replica Marilena Fabbri del Pd. “Coltivare i collegi, stare vicino agli elettori, sono impieghi a tempo pieno, più importanti che stare in Aula” risponde Machaela Biancofiore che sulla polemica della Cgil ribadisce: “E’ evidente che serve a fare il week-end lungo” di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italicum, l’ultimo incontro Renzi-B. per un idillio infinito

prev
Articolo Successivo

#Renziscappa, gli scrittori di Wu Ming raccontano tutte le fughe del premier

next