Un 45enne è stato gambizzato dopo aver fatto irruzione nell’alloggio popolare che gli spettava, per sfrattare le due donne che lo occupavano abusivamente. È successo intorno alle 17 di giovedì nel quartiere Tor Bella Monaca di Roma. Le inquiline, due donne di origine araba, per farsi difendere hanno chiamato un amico che ha sfondato la porta dell’appartamento, ha sparato contro l’uomo e ferito figlio 16enne alla testa, colpendolo con il calcio della pistola.

Padre e figlio sono stati soccorsi e trasportati al policlinico Tor Vergata dal 118. Non sono in pericolo di vita. Il proiettile sarebbe infatti entrato e poi uscito dalla gamba del 45enne, che verrà ascoltato dagli investigatori una volta dimesso.

L’episodio è accaduto al secondo piano di un palazzo di via dell’Archeologia. A dare l’allarme alcuni vicini che hanno raccontato alla polizia di aver sentito forti rumori, come di una porta sfondata, e poi lo sparo. I testimoni hanno detto che dal palazzo sarebbe stato visto un uomo fuggire, ora ricercato dalla polizia, che ha già elaborato un identikit. Anche le due donne sono scappate prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. Sulla vicenda indaga il commissariato Casilino Nuovo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cei, appello dei vescovi: “I preti pedofili non siano abbandonati a loro stessi”

prev
Articolo Successivo

Case popolari, anarchici e disperati: la questione abitativa spaventa i milanesi

next