Esplode la protesta dei 5 Stelle nell’aula del Senato contro il decreto Sblocca Italia, sul quale palazzo Madama era chiamato a votare la fiducia, che alla fine è stata ottenuta e il provvedimento del governo è diventato legge. Sergio Puglia si è sdraiato sui banchi del governo con le mani sporche di inchiostro, come fosse petrolio e viene richiamato all’ordine da Roberto Calderoli. Altri, sempre con le mani sporche d’inchiostro stanno impedendo ai senatori di votare sotto i banchi della presidenza. La seduta è stata sospesa. I 5 Stelli protestano contro il provvedimento ritenuto un regalo ai petrolieri sul fronte delle trivellazioni.

Il senatore Malan di Forza Italia pur di votare ha scavalcato la balaustra che separa i banchi del governo. Il presidente di turno Calderoli ha gridato: “Queste cose succedevano in periodi non democratici, ne parleremo in Ufficio di presidenza”. Poi ha sospeso la seduta.

“Mani sporche di petrolio. Non saremo complici di questo disastro annunciato. #SfasciaItalia”. Così, con un tweet, la senatrice del M5S Paola Taverna sintetizza le ragioni della protesta.

La seduta è poi ripresa, ma i senatori M5s hanno continuato a sbloccare il passaggio dei colleghi verso le urne. Il presidente di turno Calderoli, rivolgendosi ai 5 stelle, ha ammonito: “Ritengo che la manifestazione sia stata eccessiva. Questo è un organo costituzionale, impedire l’esercizio di un ordine costituzionale, oltre ad essere contro il regolamento, è anche contro il codice penale”. Calderoli – vista la protesta – ha poi deciso di far rispondere i senatori alla chiama e di farli votare dal loro posto.

Anche il Pd usa Twitter per replicare: “Senatori M5s stanno cercando di impedire le operazioni di voto al #Senato Eccoli i nuovi fascisti”, scrive il senatore Stefano Esposito.

Alla fine l’aula ha dato il via libera definitivo al decreto Sblocca Italia, votando la fiducia posta dal governo. I voti favorevoli sono stati 157, i contrari 110 e nessun astenuto. Il dl scadeva l’11 novembre. Il decreto contiene norme che vanno dallo ‘sblocca cantieri‘ e dalla realizzazione dell’alta velocità Napoli-Bari e Palermo-Catania-Messina alla proroga delle concessioni autostradali, dagli incentivi per la banda larga a quelli per l’acquisto e l’affitto degli immobili, dalle risorse per gli ammortizzatori sociali a misure sugli inceneritori e sulle trivellazioni. E poi la misure cosiddetta per Genova che ‘sblocca’ le opere in zone colpite da calamità naturali anche se sottoposte a ricorso davanti al Tar.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, attivisti: “Il Movimento vada in tv”. Grillo: “No, non è posto libero”

next
Articolo Successivo

Alfano su cariche agli operai Ast, i punti oscuri della sua difesa in Parlamento

next