Stefano Cucchi morto in mano allo Stato? Non credo che la vicenda possa esser ricostruita in questi termini. Lui è uno che purtroppo era coinvolto pesantemente nel mondo della droga, ne faceva uso personalmente, spacciava, era stato più volte ricoverato in ospedale per aver subito pestaggi da gente del suo ambiente”. Sono le parole di Roberto Formigoni, senatore Ncd, ospite di “Un giorno da pecora”, su Radio Due. “Certo” – puntualizza – “quel che è successo in carcere va investigato fino in fondo. Ma Cucchi più volte era stato aggredito, ed è arrivato in carcere in condizioni molto molto critiche, non perché era in mano ai poliziotti, ma perché era stato arrestato in condizioni molto critiche”. Subito dopo, i conduttori Sabelli Fioretti e Lauro comunicano a Formigoni che su twitter le sue dichiarazioni hanno scatenato un vespaio di polemiche. “Le polemiche possono impazzare finché vogliono” – si difende l’ex governatore della Regione Lombardia – “bisogna che ci siano indagini, il procuratore ha detto che riaprirà le indagini e vedremo cosa appureranno. Finora le indagini hanno portato alla sentenza di assoluzione, e le sentenze si possono criticare ma si devono rispettare”. E conclude: “Non è questo l’insegnamento che la sinistra e i twitteroni protestoni hanno sempre sostenuto?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fatture false: in carcere Natale Sartori, re delle coop legato a Dell’Utri e ai Mangano

prev
Articolo Successivo

Morte Cucchi, i pm di Roma pronti a risentire l’agente che “accusa” l’Arma

next