“Non c’è più il posto fisso, ma non perché l’abbiamo deciso noi”. Questo l’incipit del discorso di chiusura del premier, Matteo Renzi, alla Leopolda di Firenze. Poi sul tema del lavoro ha aggiunto: “L’articolo 18 dà da lavorare ai giudici e agli avvocati, ma non a quei 3 mila che nel 2014 hanno perso le cause davanti al giudice del lavoro”. Renzi afferma che “è’ finita l’Italia del rullino” e rivendica per la sinistra “‘l’Italia del digitale“. Poi  spiega: “Non ho paura che a sinistra si crei qualcosa di diverso”. Dopo una battuta sul cancelliere tedesco Angela Merkel: “Tu hai preso 10,6 milioni (di voti, ndr) noi 11.2, ma sono cose che capitano”. Affonda il colpo contro l’austerity: “L’Europa è nata per creare crescita e occupazione, non vincoli e austerità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Leopolda 2014, segretario Fiom Firenze: ‘Dovevo parlare di Jobs act, non ho potuto’

next
Articolo Successivo

Leopolda 2014, Renzi rottama il Pd e parla ai fedelissimi: “Il partito siamo noi”

next