Aveva chiesto di salire sul palco della Leopolda, per portare la voce della piazza di Roma, quella contro il Jobs act e le politiche per il lavoro del governo Renzi. E invece, alla fine, il nome di Daniele Calosi, segretario provinciale della Fiom di Firenze, è rimasto fuori dalla scaletta. “Avevo chiesto di intervenire sul sito della Leopolda 5, la mia richiesta era stata accettata, ma avrei dovuto mandare l’intervento scritto. Mi sono rifiutato e alla fine non mi hanno fatto salire” ha spiegato giù dal palco. “Ogni voce critica del Governo non è accettata. E’ stata una caduta di stile”  di Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, Boldrini: ‘Con Grasso proporremo togliere vitalizi a parlamentari condannati’

next
Articolo Successivo

Leopolda 2014, il discorso di chiusura – Renzi: ‘Non c’è più il posto fisso’

next