La Cassazione ha assolto Domenico Dolce e Stefano Gabbana “per non aver commesso il fatto” dall’accusa di evasione fiscale. Gli stilisti erano stati condannati dalla Corte d’appello di Milano il 30 aprile a un anno e sei mesi di reclusione. Assolto anche il commercialista Luciano Patelli. È la seconda volta che la Cassazione si esprime sulla questione: nel novembre 2011 aveva annullato i proscioglimenti accordati. Ora, l’ultimo tassello di un processo molto complesso, ovvero la decisione di annullare senza rinvio la sentenza di condanna.

Ai due stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l’inchiesta, con una “estero-vestizione“. In altre parole Dolce & Gabbana erano accusati di avere creato in Lussemburgo nel 2004 la Gado, una società ritenuta fittizia funzionale ad ottenere vantaggi fiscali. Il tema di fondo della questione fiscale ruotava proprio attorno al dubbio se la società fosse stata costituita artificiosamente all’estero, o se si poteva ritenere che la Gado avesse un’effettiva operatività.

“Eravamo certi!!! Siamo delle persone oneste!!! W l’Italia”. E’ il primo commento di Stefano Gabbana, twittato dopo la sentenza. Il tweet finisce con l’hashtag #orgogliosodiessereitaliano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Sea, prosciolto dal gup di Milano Vito Gamberale: “Il fatto non sussiste”

prev
Articolo Successivo

Gabriele Paolini a processo per tentata violenza e prostituzione minorile

next