Nuovo video diffuso dai terroristi dell’Isis. Le immagini mostrano la lapidazione di una donna accusata di adulterio. All’esecuzione, che sarebbe avvenuta in una data imprecisata a Est di Hama, nella Siria centrale, avrebbe preso parte anche il padre della vittima. L’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus) sottolinea, tuttavia, di non essere in grado di confermare l’episodio. Il video mostra il padre insieme ai combattenti dell’Isis che si rifiuta di perdonare la figlia, fino a quando due combattenti vanno da lui e lo convincono a farlo perché “sta andando da Allah“. Rivolto alla donna, ripresa di spalle, il boia dice: “Devi accettare, anzi devi essere soddisfatta perchè questo è il giudizio di Allah per quello che hai fatto e che tu sai di avere fatto”. Quindi le chiede: “Accetti il giudizio di Dio”?. E la donna scuote la testa in senso affermativo. Il boia ordina allora di procedere ed è proprio il padre che lega la donna con una corda e la conduce nella buca scavata nel terreno per la lapidazione. Poi diversi uomini cominciano a lanciare numerose pietre contro di lei, anche il padre, fino a quando la donna muore. Durante la lapidazione, la donna si volta di schiena e ripete più volte, dietro loro ordine: “Dichiaro che non vi è altro Dio che Allah”

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cile, Bachelet sfida corporation: carbon tax da 160 mln l’anno. “Li usiamo nella scuola”

next
Articolo Successivo

Christophe de Margerie, i resti del jet nel quale ha perso la vita l’ad Total

next