Patteggiamenti in vista per alcuni dei protagonisti dell’inchiesta che l’8 maggio scorso ha svelato quella che è stata definita dagli stessi inquirenti di Milano la cupola degli appalti. Sul tavolo dovrebbero arrivare le istanze dell’imprenditore vicentino Enrico Maltauro, quella dell’ex manager di Expo Angelo Paris, dell’ex senatore del Pdl Luigi Grillo e dell’ex esponente ligure dell’Udc-Ncd Sergio Cattozzo. Dovrebbero invece affrontare il processo con rito ordinario – che si aprirà il prossimo 2 dicembre – l’ex Dc Gianstefano Frigerio, l’ex funzionario del Pci Primo Greganti e l’ex dg di Ilspa Antonio Rognoni.

Maltauro, proprio oggi, ha fornito ai pm di Milano Claudio Gittardi e Antonio D’Alessio ulteriori chiarimenti e conferme in merito al filone di indagine che la scorsa settimana ha portato agli arresti domiciliari l’ex sub commissario di Expo Antonio Acerbo e altre due persone accusati di aver pilotato l’appalto per le “Vie d’Acqua Sud”. L’imprenditore vicentino avrebbe confermato che il contratto di consulenza, intestato al figlio di Acerbo ma poi svolto dall’ex manager di Expo, sarebbe stato sottoscritto in cambio dell’aggiudicazione, come poi è avvenuto, dell’appalto che prevedeva la costruzione di canali di collegamento tra la Darsena e il sito espositivo. Tra le altre cose, il costruttore ha ribadito che i circa 300 mila euro chiesti da Acerbo jr – come emerge da una intercettazione – non sono mai stati versati. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Responsabilità civile, il governo fa marcia indietro (a voce). E Fi insorge

prev
Articolo Successivo

Yara Gambirasio, Bossetti resta in carcere. Riesame: “Prova Dna valida”

next