Tornano i tedeschi in casa Mv Agusta. Dopo Bmw alla quale era seguita Harley Davidson, ora è arrivato il turno di Mercedes che secondo Il Corriere della Sera ha raggiunto un accordo per rilevare fino al 25% della casa italiana. Il quotidiano milanese prospetta un’entrata “soft” della casa di Stoccarda che, comunque, lascerebbe le scelte strategiche alla famiglia Castiglioni, storica proprietaria del marchio le cui sfortune economiche sono state una costante. Tanto che appunto i passaggi di mano non sono certo una novità e l’operazione, come le precedenti, porterà fondi nelle casse dell’azienda italiana permettendole di dare il via alla creazione di una solida rete di concessionarie all’estero.

Nessuna conferma o dichiarazione dai vertici di entrambe le case, ma l’ufficialità dell’accordo dovrebbe arrivare tra due settimane circa, forse proprio in occasione di Eicma, il salone della moto che inizierà il 4 novembre a Milano. Un’occasione per presentare un accordo che punta a dare nuovo slancio allo storico marchio motociclistico italiano che, entro fine anno, punta alle 9.500 moto vendute. Mercedes-Daimler entrerebbe come socio di minoranza attraverso la controllata Amg, che si occupa delle versioni super sportive dei modelli che escono da Stoccarda, senza però acquistare subito la quota complessiva. L’idea è quella di un’entrata graduale dei tedeschi, in base anche alle esigenze di capitali del marchio Mv Augusta previsti dal piano industriale. Il fabbisogno che la mercedes-Daimler andrà a coprire è stimato in circa 25-30 milioni di euro.

L’obiettivo dell’accordo è quello di raggiungere i 200 milioni di ricavi entro il 2017 e salire a quota 20mila moto anche e soprattutto sviluppando il mercato internazionale. Il ruolo fondamentale svolto dal marchio di Stoccarda sarà proprio quello di sviluppare una rete di concessionarie all’estero, soprattutto negli Stati Uniti, in Giappone e in Germania, dove è grande la richiesta di supercar e grandi moto. La Mv Augusta si colloca perfettamente in questo quadro, visto che da sempre rappresenta uno dei marchi dell’eccellenza italiana su due ruote. L’azienda tedesca, però, non avrà un ruolo di totale controllo sulle scelte aziendali. Mercedes fornirà le attività di comunicazione e di marketing, con particolare attenzione per il mercato estero, ma alla famiglia Castiglioni come accaduto nei precedenti casi di alleanze tra la società italiana e i marchi esteri, rimarrà il controllo delle scelte strategiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiat, Marchionne chiude procedimento per condotta antisindacale con 2.654 euro

prev
Articolo Successivo

Poste, alta tensione su potenziali esuberi. E la commissione d’inchiesta non c’è

next