“Scuola per tutti, precarietà per nessuno”, con questo striscione oggi un migliaio di studenti ha attraversato le strade della città di Torino per protestare contro le riforme dell’istruzione e del lavoro del governo. Al termine del corteo, nel quale non si sono registrati disordini o momenti di tensione, i ragazzi hanno raggiunto il Teatro Regio che, il 17 e 18 ottobre, ospiterà il Summit europeo dei ministri del Lavoro, dove hanno dato fuoco ad alcune sagome di cartone con le facce del premier Matteo Renzi, del presidente della Bce Mario Draghi e del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini   di Stefano Bertolino

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manifestazioni scuola, a Milano studenti occupano Provveditorato

next
Articolo Successivo

Napoli, ragazzi disabili senza scuola: “E’ disumano, così ci rovinano il futuro”

next