“Scuola per tutti, precarietà per nessuno”, con questo striscione oggi un migliaio di studenti ha attraversato le strade della città di Torino per protestare contro le riforme dell’istruzione e del lavoro del governo. Al termine del corteo, nel quale non si sono registrati disordini o momenti di tensione, i ragazzi hanno raggiunto il Teatro Regio che, il 17 e 18 ottobre, ospiterà il Summit europeo dei ministri del Lavoro, dove hanno dato fuoco ad alcune sagome di cartone con le facce del premier Matteo Renzi, del presidente della Bce Mario Draghi e del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini   di Stefano Bertolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manifestazioni scuola, a Milano studenti occupano Provveditorato

prev
Articolo Successivo

Napoli, ragazzi disabili senza scuola: “E’ disumano, così ci rovinano il futuro”

next