«L’uomo non è stato creato per sposare un altro uomo!» Tuona  allo specchio Angelino Alfano mentre prova il discorso: «Proprio come il centrodestra non è stato creato per governare con il centrosinistr… no, cacchio, questa non la posso dire. Dai, Angelino, calmo, respira….vedrai che troveremo qualcosa da dire agli elettori moderati.

Ci sono: cancelliamo l’articolo Diciott… no, aspetta, questa l’ha già detta lui. Compriamo gli F-35 che ci servono a esport… pure questa. Maledizione». Angelino è in crisi. Si era messo in testa di fare il leader del centrodestra, forte di quel sondaggio che diceva che Forza Italia e Ncd, divisi, prendevano più voti (tanto che anche nel Pd c’era chi voleva dividersi in un partito di centro e uno di destra) ma poi è arrivato Renzi.

«Da quando c’è lui, non so più cosa raccontare ai miei elettori. Che infatti sono diventati i suoi. Asfaltare il sindacato? Lo fa Renzi. Rimandare all’infinito una legge sui matrimoni gay, sulla fecondazione eterologa, su qualunque altro argomento stia a cuore al Vaticano? Lo fa Renzi. Sognare il presidenzialismo, scrivere le riforme con Berlusconi e Verdini? Favorire gli evasori fiscali con una legge-fuffa contro l’autoriclaggio? Coccolare i due marò? Provate a mettervi nei miei panni! Provateci voi a dire una cosa di centrodestra che non abbia già detto Renzi!

Mi sono dovuto accontentare della battaglia contro i vù cumprà, un classico della destra, ma di questi tempi gli unici stranieri che investono in Italia sono loro, e con la crisi che c’è gli elettori moderati comprano solo dagli ambulanti… rischio che poi mi si ritorce contro. E poi quel subdolo di un fiorentino mi vuole fregare anche i vu cumprà, me lo sento. Com’è che non ha fatto ancora lo Ius Soli, eh? In campagna elettorale non parlavano d’altro… lo fa per fregarmi!».

Angelino si guarda nello specchio e pensa quello che pensano tanti italiani della sua età: «Dovevo andare all’estero. In Italia c’è troppa concorrenza. All’estero a quest’ora ero il leader del centrodestra. Te lo ricordi l’Erasmus, quando sono andato a fare il ministro degli interni del Kazakistan? Ero bravo… Maledizione, avrei dovuto studiare le lingue».

il Fatto Quotidiano, 8 ottobre 2014

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Province, a Padova Pd va con “dissidenti” Lega per non far vincere ancora Bitonci

next
Articolo Successivo

Sondaggi politici, intenzioni di voto: Pd al 37,5%. Governo al 53%, mai così in basso

next