Ormai ufficializzato anche sui rispettivi profili Facebook, il fidanzamento tra la senatrice Stefania Pezzopane (Pd) e Simone Coccia Colaiuta ha avuto una sorta di “battesimo” istituzionale. La coppia, infatti, è arrivata a palazzo Madama e si è concessa un caffè alla buvette del Senato. Dopo la pausa, la vicepresidente della Giunta delle immunità (che si distinse nella vicenda della decadenza di Silvio Berlusconi), nonché componente della commissione Lavoro, si è recata in Aula.

Coccia Colaiuta, che sul profilo Facebook definisce così la sua attività: “Streap, animazione locali, organizzazioni nubilati” oltre che “figurante tv , collaborazioni agenzie, servizi fotografici e promozione capi d’abbigliamento intimo”, è rimasto in uno dei saloni del palazzo, con il badge degli ospiti bene in vista sulla giacca del completo scuro, e le cuffie del cellulare alle orecchie.

La senatrice, comunque, sulla propria pagina Facebook posta anche il servizio che Gente ha dedicato alla loro storia e lo fa con un commento orgoglioso, a scorno di chi ha da ridire sui 24 anni di differenza: “Stefy e Simo. Su Gente. Contro ogni ipocrisia e maschilismo e finti perbenismi”. Ma il post più recente è quello sulla designazione come prima iscritta a parlare per il Pd sul Jobs act: “Mi affidano sempre compiti facili…”, ironizza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sì, ci siamo: Daniele potrà cercare la sua cura

prev
Articolo Successivo

Programmi tv stasera, Telefatto: Olympiacos-Juventus, Velvet, Le Iene

next