Piazza Montecitorio, otto di sera. La quindicesima votazione in seduta comune per i due giudici della Consulta finisce in un’ennesima fumata nera. Tutto come previsto. Dai partiti arriva l’indicazione di porre nelle urne delle schede bianche. “Non bruciamo i candidati, non c’è l’accordo”, afferma il senatore Roberto Formigoni. Il patto del Nazareno scricchiola, Forza Italia è in crisi, forse ci si ribella alla linea Verdini, il risultato: mancano i voti sul ticket Violante-Bruno. “Questo patto doveva portare ad una fumata bianca e invece colleziona schede bianche”, ironizza Nunzia De Girolamo, deputata di Ncd. “E’ uno spettacolo indecente, il parlamento dovrebbe fare queste votazioni di notte e di giorno occuparsi dei cittadini italiani con l’Istat che certifica la recessione”, attacca Luigi Di Maio vicepresidente della Camera per il M5S che aggiunge: “Per un capriccio sul nome di Violante non si dà spazio ai candidati indipendenti e preparati, per spartirsi le poltrone si tiene il Parlamento bloccato“. “Non è un bello spettacolo, ma chiedete a Renzi e Verdini, noi seguiamo le indicazioni di partito”, afferma la berlusconiana Michaela Biancofiore. Roberto Giachetti: “Mancano i voti di Forza Italia, se non si trova un nome su cui tutti convergono, forse serve aprire all’ipotesi di trovare un candidato con il M5S” di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Articolo 18, riposa in pace: a noi ora ci pensa lo Stato

prev
Articolo Successivo

Dimartedì, Crozza-Renzi: ‘Perché non fanno Cuperlo in gocce? Ho dormito così bene’

next