Sottosegretario all’Economia nel governo Renzi, componente anche dell’esecutivo Letta, dove è stato alla presidenza del Consiglio con delega all’Editoria, il nuovo vice presidente del Csm Giovanni Legnini, ha cominciato a far politica a 17 anni.

Sposato, 55 anni, con due figli, avvocato cassazionista specializzato in diritto delle imprese e della Pubblica amministrazione, la sua prima esperienza istituzionale è stata quella di sindaco a Roccamontepiano (Chieti), dove è nato, dal 1990 al 2002. Eletto senatore con i Ds dal 2004, e di nuovo con il Pd nel 2008, è stato componente della Commissione Bilancio e della Giunta delle elezioni e delle immunità e del Comitato parlamentare per i procedimenti d’accusa. Consigliere comunale e poi presidente del Consiglio del municipio di Chieti, in Parlamento Legnini è stato relatore di numerose leggi, tra cui leggi finanziarie e provvedimenti in materia economica e giustizia. Il 10 settembre è stato eletto come primo componente laico del Csm con 524 voti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Csm, “Teresa Bene ineleggibile, non ha i titoli”. Legnini eletto vicepresidente

next
Articolo Successivo

Regione Lombardia, inchiesta Maroni: indagato anche Andrea Gibelli (Lega)

next