#Notinmyname è il loro hashtag di riferimento su Twitter. Un gruppo di musulmani inglesi ha fatto partire una campagna sui social network per condannare pubblicamente l’Isis. Da professori a studenti, comprese donne col velo e gruppi di fede islamica, le foto di chi vuole dichiarare al mondo della rete che “l’Isis non rappresenta l’Islam e non deve essere identificato con i musulmani”.

 

E spiegano le loro ragioni anche in un video pubblicato da Active Change Foundation

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, “bombardamenti possono aumentare i rischi di attentati in Europa”

next
Articolo Successivo

Isis, anche Londra dà il via ai raid in Iraq. Pentagono: “Bombardamenti non bastano”

next