La Rai ha chiuso il primo semestre del 2014 con un risultato netto caratteristico della gestione negativo per 2,9 milioni di euro, sostanzialmente in linea con il primo semestre del 2013. Lo si legge nella nota con i conti presentati al cda di Viale Mazzini di giovedì. Tuttavia, si sottolinea, il risultato si è tradotto in una perdita complessiva consolidata di 77,9 milioni di euro dopo gli effetti del tagli del governo, con il Decreto Irpef

I conti dovranno essere approvati dal prossimo cda della Rai. “Sulla base del Report Gestionale al 30 giugno 2014 presentato al Consiglio – si legge nel comunicato -, emerge che nonostante la presenza di costi per i grandi eventi sportivi (pari a 68 milioni di euro nel semestre) e un livello di morosità in aumento, le azioni gestionali sul lato dei costi operativi e del personale hanno consentito la realizzazione di un risultato netto caratteristico della gestione negativo per 2,9 milioni di euro, sostanzialmente in linea con il primo semestre del 2013″.

“Tale risultato – prosegue la nota della Rai – si è tradotto in una perdita complessiva consolidata di 77,9 milioni di euro dopo gli effetti del Decreto Legislativo 66 del 2014 di competenza”. Al 30 giugno scorso l’indebitamento finanziario netto del gruppo radiotelevisivo pubblico è risultata pari a 170 milioni di euro, con un miglioramento di 271 milioni rispetto al 31 dicembre 2013. Alla stessa data il patrimonio netto di Rai Spa era pari a 220 milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Commercio estero, a luglio esportazioni italiane giù dell’1,6% e import a -2,5%

prev
Articolo Successivo

Banca Marche verso proroga del commissariamento

next