Uccide il padre colpendolo con le forbici, nella loro abitazione di Verbania, al culmine di un litigio. L’omicidio è avvenuto in una casa del quartiere Renco. Molte le ferite da taglio rinvenute sul corpo Gianni Tosi, 78 anni; sembra che il figlio, Danilo, che è stato fermato, abbia problemi psicologici.

Adesso il 48enne è piantonato nel reparto di igiene mentale dell’ospedale Castelli di Verbania. Sul luogo dell’omicidio è arrivato il sostituto procuratore Nicola Mezzina, che coordina le indagini dei carabinieri. Sul posto anche il comandante provinciale dell’Arma, colonnello Luca Politi.

Padre e figlio vivevano insieme. I vicini di casa descrivono l’arrestato come una persona “taciturna e solitaria”. L’uomo era caduto in depressione da alcuni mesi, da quando era rimasto senza lavoro. E’ quanto emerge dai primi accertamenti effettuati dagli investigatori dei carabinieri, che indagano sul delitto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ebola, risultati delle analisi su caso nelle Marche: “È malaria”

next
Articolo Successivo

Ciro Esposito, perizia balistica sui guanti di Daniele De Santis: “C’è polvere da sparo”

next