Si è celebrata a Polsi la festa della Madonna della Montagna. Ma storicamente, la località al centro dell’Aspromonte è la stessa dove le principali famiglie mafiose organizzano in occasione della celebrazione religiosa l’annuale summit di ‘ndrangheta. Nel 2009 i carabinieri sono riusciti a intercettare e filmare i boss che si riunivano nei pressi del santuario. A margine della messa, il vescovo di Locri, Francesco Oliva ha affermato: “Non vorrei entrare nelle polemiche perché sono fuori contesto”. Incontri tra mafiosi a Polsi? “Non do giudizi sul passato ma non credo ci siano stati nel santuario o nelle sue vicinanze. I problemi ci sono in questo territorio e sono legati alla mancanza di lavoro e all’immigrazione”. E sulla ‘ndrangheta: “Chi uccide e delinque non vive la pienezza della comunione con la chiesa”. Il vescovo Oliva, infine, interviene anche sull’inchino della Madonna di Oppido Mamertina: “Se bastasse solo la parola di Papa Francesco per redimere tutto saremmo contenti, c’è da lavorare molto ma non criminalizzare nessuno”  di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tassisti arrestati in Germania, Anitrav: “Non siamo tenuti a chiedere l’identità”

next
Articolo Successivo

Processioni e ‘ndrangheta: dalla scomunica di Francesco all’inchino sotto casa del boss

next