“Scusate, non parteciperò alla vostra sfida”. Così Pamela Anderson sulla sua pagina Facebook e sull’account Twitter dice no all’iniziativa delle secchiate d’acqua gelida per sensibilizzare sulla Sla e lo fa mostrandosi con un cartello contro la sperimentazione sugli animali. Il motivo? La Als, coinvolta nella campagna di sensibilizzazione, utilizzerebbe proprio questi test per portare avanti le proprie ricerche. “Mi piacciono le belle sfide, ma non siamo allineati nei contenuti che vogliamo trasmettere”. Quindi l’ex bagnina di Baywatch sfida a sua volta chi ha deciso di prendere parte all’Ice bucket, chiedendo di “fermare la sperimentazione animale”. 

 

“L’associazione che combatte la Sla ha finanziato esperimenti in cui hanno perforato la testa dei gatti, gli hanno iniettato malattie, e li hanno costretti a correre in salita fino all’esaurimento”, scrive l’attrice. Fatti che, prosegue, l’hanno fatta riflettere, portandola ad “andare più a fondo nella questione”. Scarso, a suo giudizio, anche il risultato di questi esperimenti. “Nello scorso decennio – scrive – solo una decina di farmaci sono stati promossi alla sperimentazione umana, e a parte uno di questi, nessuno ha superato il test sull’uomo. Provare a curare malattie umane con vecchi e inutili esperimenti sugli animali – conclude – non è solo crudele, è una grave mancanza a chi ha disperatamente bisogno delle cure”.

Il post, che ha raccolto oltre 70mila like da parte dei fan e 30mila condivisioni, ha suscitato anche commenti indignati e tanta ironia. E così, alcuni utenti hanno fatto notare a Anderson che tanti prodotti per la cura della persona sono stati sperimentati sugli animali prima di essere commercializzati. Altri ancora l’hanno bacchettata per gli interventi di chirurgia estetica ai quali si è sottoposta, chiedendole in che modo fosse stato sperimentato il silicone

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reggio Calabria, spara e uccide la moglie. Marito si costituisce: “Non ricordo niente”

prev
Articolo Successivo

Migranti, erano 250 sul barcone naufragato a largo della Libia. Recuperati 20 corpi

next