Sarebbero state le esalazioni per un principio di incendio, dovute a un incidente domestico, a provocare la morte di Claudia Torsani, 45 anni, di Roncalceci, frazione di Ravenna, e dei figli Francesco e Alessandro Baioni, di 8 anni e 12. I loro corpi sono stati trovati nell’appartamento di Marina Romea (Ravenna), dove la famiglia da qualche anno trascorreva le vacanze estive. Secondo i primi accertamenti, madre e figli potrebbero essere morti per asfissia.

Il principio di incendio, secondo i carabinieri del nucleo Operativo e di quello Investigativo, supportati dai vigili del fuoco, è stato provocato da un trasformatore appoggiato sul divano: l’apparecchio, scaldandosi, potrebbe averlo incendiato, sprigionando esalazioni mortali. La morte dei tre sarebbe avvenuta ieri sera (giovedì 14 agosto). Alcuni vicini hanno riferito di avere sentito un tonfo secco provenire dall’appartamento dove abitavano le tre vittime. Il rumore potrebbe essere dovuto alla caduta del lampadario in seguito all’incendio sprigionatosi nell’abitazione: un rogo di modeste dimensioni che ha danneggiato alcune suppellettili e annerito le pareti della stanza e che si è spento dopo poco a causa della mancanza di ossigeno. Le finestre e le porte del bilocale erano infatti chiuse, e questo particolare avrebbe fatto spegnere le fiamme.

Il cadavere della donna è stato trovato nel letto, che si trova sul soppalco, quelli dei bimbi erano ai piedi del letto, sebbene la loro cameretta fosse al piano terra, dove si è sviluppato l’incendio. Questo – secondo gli investigatori – potrebbe significare due cose: che ieri sera hanno dormito con la madre e che quando si sono sentiti male hanno fatto in tempo solo a scendere; oppure che dormivano nei loro lettini, e che quando hanno capito cosa stava succedendo hanno cercato di avvisare la mamma, già morta in quel momento.

Il marito non si trovava a casa al momento della tragedia perché, secondo quanto riferito, i coniugi erano separati. L’uomo è venuto a conoscenza di quanto accaduto quando, verso le 15.30, è giunto all’abitazione, trovando già carabinieri e vigili del fuoco. A quel punto è stato portato in caserma, dove quando ha saputo quello che era successo si è sentito male ed è stato accompagnato in ospedale. Le salme della donna e dei figli sono state trasferite questa sera all’obitorio di Ravenna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bambini, arriva l’app per trovare i parchi giochi. Inventata da una mamma

next
Articolo Successivo

Parma, museo dei girovaghi spostato in altra città. Ma gli abitanti lo fanno rivivere

next