Rupa-donne-India-sfigurateInsieme per darsi forza e dare forza a chi ha avuto il loro stesso destino. Sono cinque donne indiane che grazie alla fotocamera di Rahul Saharan sono state immortalate per dare un messaggio chiaro a tutte le donne: tutto si può superare.

A parlare è Rupa, la designer che ha realizzato gli abiti che indossano le modelle nello shooting: “Ho sempre voluto essere un designer, ma dopo l’attacco c’è stata una pausa nella mia vita. Ero così insicura e imbarazzata dalle mie cicatrici che usavo sempre una sciarpa per coprire il mio volto. Ho sempre creduto nel mio sogno, ma non credevo che un giorno sarebbe stato possibile lanciare addirittura la mia etichetta.” Insieme hanno trovato la forza di andare avanti, di dimostrare ai loro aggressori che non sono di certo loro che si devono vergognare. 

Rupa ha abbandonato il suo cognome rinnegando il padre colpevole di aver sfigurato una donna. Nell’agosto 2008 Rupa dormiva nel suo villaggio natale, Uttar Pradesh, quando la sua matrigna le ha gettato addosso l’acido. E’ stata per oltre sei ore senza assistenza, finché uno zio è corso in soccorso e l’ha portata in un ospedale vicino. La donna è stata condannata a 18 mesi di carcere e oggi è libera. Ecco perché Rupa chiede giustizia e collabora con l’associale “Stop Acid Attack” sostenendo una battaglia per impedire che l’acido sia venduto in India liberamente.

Oggi il sogno che aveva bambina Rupa l’ha realizzato: creare una sua linea di abbigliamento. Il prossimo passo sarà un ecommerce per poter diventare finanziariamente indipendente e continuare ad aiutare le donne vittime come lei di attacchi di acido

Donne forti, che vanno avanti nonostante tutto. Perché si può sempre risalire, anche quando ti violentano il corpo, anche quando ti violentano l’anima.

Rupa-fashion-India-facebook

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maternità: son davvero tutte belle le mamme del mondo?

next
Articolo Successivo

Donne e motori: “Nell’80% dei casi sono loro a scegliere quale auto acquistare”

next