Due operai sono morti in un impianto di compostaggio ad Aprilia, in provincia di Latina. Stavano lavorando sopra un’autocisterna nello stabilimento Kyklos, viene trattata la frazione organica dei rifiuti provenienti da gran parte delle discariche del Lazio. Da una prima ricostruzione, sembra che i due operai abbiano aperto un boccaporto della cisterna e siano stati investiti dalle esalazioni di perclorato, una sostanza tossica. Uno dei due è poi precipitato all’interno dell’autocisterna. Non è ancora chiaro che tipo di sostanza fosse contenuta nella vasca. I cadaveri sono stati recuperati dai vigili del fuoco. 

Le vittime, di 44 e 42 anni, erano due autotrasportatori dipendenti di una ditta esterna che lavora per l’Acea, società che gestisce l’impianto Kyklos di Aprilia, hanno accusato immediatamente un malore. I due avevano appena consegnato un carico e avrebbero accusato il malore mentre versavano la sostanza dall’autocisterna. Uno dei due, che si trovava sull’autocisterna, ha perso i sensi ed è caduto da un’altezza di circa due metri, mentre l’altro è morto all’interno del camion. La dinamica esatta di quanto accaduto nell’impianto di via le Ferriere, al confine tra Aprilia e Nettuno, è ancora al vaglio dei carabinieri e della Procura. Secondo i primi accertamenti svolti sul luogo dell’incidente, le esalazioni letali provenivano dall’autocisterna e non dall’impianto. Dai sopralluoghi sarebbe dunque emerso che l’impianto è sicuro, e per questo per ora l’area di pericolo è stata circoscritta all’autocisterna sulla quale lavoravano i due operai e non all’intera area dell’impianto di compostaggio. Al momento, secondo le prime informazioni, non ci sarebbero danni ambientali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Abruzzo, vigili in servizio con le Hogan. “Non fanno venire vesciche”

next
Articolo Successivo

Portici, pensionato ucciso in strada. Gli investigatori: “Colpito per errore”

next