Due operai sono morti in un impianto di compostaggio ad Aprilia, in provincia di Latina. Stavano lavorando sopra un’autocisterna nello stabilimento Kyklos, viene trattata la frazione organica dei rifiuti provenienti da gran parte delle discariche del Lazio. Da una prima ricostruzione, sembra che i due operai abbiano aperto un boccaporto della cisterna e siano stati investiti dalle esalazioni di perclorato, una sostanza tossica. Uno dei due è poi precipitato all’interno dell’autocisterna. Non è ancora chiaro che tipo di sostanza fosse contenuta nella vasca. I cadaveri sono stati recuperati dai vigili del fuoco. 

Le vittime, di 44 e 42 anni, erano due autotrasportatori dipendenti di una ditta esterna che lavora per l’Acea, società che gestisce l’impianto Kyklos di Aprilia, hanno accusato immediatamente un malore. I due avevano appena consegnato un carico e avrebbero accusato il malore mentre versavano la sostanza dall’autocisterna. Uno dei due, che si trovava sull’autocisterna, ha perso i sensi ed è caduto da un’altezza di circa due metri, mentre l’altro è morto all’interno del camion. La dinamica esatta di quanto accaduto nell’impianto di via le Ferriere, al confine tra Aprilia e Nettuno, è ancora al vaglio dei carabinieri e della Procura. Secondo i primi accertamenti svolti sul luogo dell’incidente, le esalazioni letali provenivano dall’autocisterna e non dall’impianto. Dai sopralluoghi sarebbe dunque emerso che l’impianto è sicuro, e per questo per ora l’area di pericolo è stata circoscritta all’autocisterna sulla quale lavoravano i due operai e non all’intera area dell’impianto di compostaggio. Al momento, secondo le prime informazioni, non ci sarebbero danni ambientali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Abruzzo, vigili in servizio con le Hogan. “Non fanno venire vesciche”

prev
Articolo Successivo

Portici, pensionato ucciso in strada. Gli investigatori: “Colpito per errore”

next