Marco Marfè, cantante neo melodico napoletano, è stato arrestato in un’operazione dei carabinieri di Casoria (Napoli) su un giro di estorsione e usura. Aveva partecipato alle selezioni di X Factor, ma la sua interpretazione di ‘Gelato al cioccolato’ non aveva convinto Simona Ventura, eppure il video del suo esilarante provino è uno dei più cliccati su Youtube. Associazione per delinquere finalizzata all’usura e all’estorsione: sono queste le accuse che hanno portato all’arresto di quattro persone, tutte originarie di Casoria: si tratta di Vincenza D’Elia, la madre di Marfè, che si è costituita nel carcere di Pozzuoli; Giuseppina Staffa; Anna Grimaldi e lo stesso Marco Marfè. Per gli ultimi tre sono scattati gli arresti domiciliari.

Gli episodi di usura accertati sono quattro, tutti commessi tra il 2012 e il 2013. In una circostanza Marco Marfè avrebbe schiaffeggiato e minacciato di morte una donna per farle consegnare 400 euro alla madre. L’indagine è stata coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli Nord.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pena di morte, siamo capaci di discuterne?

next
Articolo Successivo

Maltempo Milano, Seveso esonda ancora: allagamenti. Voragine in centro città

next