L’attendibilità è ancora da confermare. Ma i servizi di sicurezza dell’Ucraina hanno pubblicato sull’account Youtube di due intercettazioni telefoniche che proverebbero la responsabilità dei separatisti filo-russi nello schianto del volo MH17 della Malaysia Airlines caduto al confine con la Russia. Nella prima telefonata, affermano le autorità ucraina, il comandante ribelle Igor Bezler dice a un agente dell’intelligence militare russo che le forze separatiste hanno abbattuto un aereo. 

Nella seconda registrazione, due combattenti ribelli affermano che l’aereo è stato abbattuto da un lancio di razzi eseguito da un’unità di filo-russi posizionata circa 25 chilometri a nord del luogo dello schianto. Uno dei ribelli della seconda telefonata afferma di trovarsi sul punto in cui è precipitato l’aereo e parla dei detriti intorno a sé. In seguito dice di avere trovato i documenti di una persona di nazionalità indonesiana che studia alla ‘Thompson University’. Per il momento non è stato possibile verificare l’autenticità delle due registrazioni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Malaysia airlines, un italo-olandese e il figlio fra i passeggeri dell’aereo abbattuto

next
Articolo Successivo

Gaza: abbiamo perso ogni speranza

next