Uscito il 27 giugno negli States e tra 25 e 26 in gran parte del mondo, Transformers 4 – L’era dell’estinzione ha totalizzato a oggi 752 milioni di dollari, di cui 210 in patria. Ma il risultato più strepitoso l’ha realizzato in Cina: uscito sempre il 27, in soli 11 giorni aveva già superato Avatar, fermatosi a 204 milioni nel 2011, quale maggior incasso di sempre con 219 milioni, ulteriormente levitati. Perché?

Tre ragioni essenziali: la saga mutuata dai giocattoloni Hasbro è molto popolare in Cina, se già Transformers 3 nel 2011 s’era messo in tasca 165 milioni, e un reality ad hoc (Transformers 4 – Campagna di reclutamento per attori cinesi) ha rincarato la dose; il mercato cinematografico della Repubblica Popolare è in grande espansione, con 12 nuovi schermi ogni giorno, e sempre più spesso le compagnie locali si affiancano produttivamente – qui Jiaflix Enterprises e China Movie Channel – agli Studios; Hollywood, alle prese con la contrazione interna dei consumi, guarda sempre più a (Estremo) Oriente, India e Cina, con qualche lauta concessione al palato indigeno: se Iron Man 3 e Looper, per dirne due, avevano sequenze aggiuntive girate nella Repubblica Popolare, Transformers 4 offre una terza parte made in Hong Kong e dintorni, nonché la megastar Li Bingbing con un ruolo preminente.

Insomma, Hollywood è pronta a tradurre la celebre scritta a caratteri cubitali in mandarino. Ma perché per Transformers 4, ancora diretto dallo Spielberg 2.0 Michael Bay, parliamo in primis di incassi e dinamiche produttive/distributive? È l’unica cosa interessante: il film in sé è una boiata pazzesca, smargiassa e cacofonica, infarcita di cosmogonie e ideologie da saldi del pensiero, solleticata da un’ironia metacinematografica pletorica e (con la coscienza) sporca. Se si pensa al Cinema, L’era dell’estinzione è fedele sottotitolo: il gradasso e tonitruante Bay, e il suo sceneggiatore Ehren Kruger, deve garantire adrenalina e creatina a uso bimbiminkia e derivati, e così fa, licenziando un blockbuster action che di pachidermico ha i barriti CGI e le proboscidi ermeneutiche – l’ironia tagliata con l’accetta di cui sopra – lasciate penzolare perché gli stolti possano bearsi del famigerato “livello segreto”. Viceversa, sarebbe stato meglio dirlo subito: vogliamo incassare e basta, dunque, abbiamo fatto un rilancio (re-boot) mascherato della saga, con Mark Wahlberg al posto del desaparecido Shia La Beouf, la lotta tra robot buoni (Autobot) e cattivi (Decepticon) archiviata, il triangolo papà (Wahlberg), figlia (Nicola Peltz, con shorts assassini) e fidanzato segreto (Jack Reynor) che fa tanto teen-movie, echi stanchi da Ritorno al futuro fino a Pacific Rim, e nulla più, perché “volevamo solo incassare”.

Ma così non è: Bay e sodali menano il robot (il redivivo Optimus Prime) per l’aia, mettono alla berlina quei cattivoni della Cia, discettano sull’etica degli inventori (Stanley Tucci, un Tony Stark de’ noantri), riesumano i dinosauri e, duole, affidano a Optimus Prime la lezioncina morale sulla nostra perduta umanità. Tutto questo in un pantagruelico carrozzone da 165 minuti, che in America, recensioni e incassi alla mano, ha fatto subito gridare all’esacerbata divaricazione tra gusto critico – semplice buon gusto, in questo caso – e gusto del pubblico: vedete e giudicate voi stessi, ma sarebbe sbagliato credere al tertium non datur tra entertainment e art cinema, mainstream e autorialità, blockbuster e idee. Negli ultimi mesi, la sintesi è riuscita a X-Men – Giorni di un futuro passato e a Captain America – The Winter Soldier. Temiamo Michael Bay non li abbia visti. Rimane un’anatra laccata. Anzi, leccata: dagli Usa alla Cina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dallo schermo all’arresto, i destini “criminali” degli attori per caso

next
Articolo Successivo

Festival di Venezia 2014, per battere Cannes si guarda agli Usa

next