Siamo a tavola. Metti via il telefonino. E non te lo dice tua madre, ma il cameriere. È l’ultima battaglia dei ristoranti contro foto, sms e chat durante i pasti. Spegni il cellulare e paghi la metà è l’offerta di Abu Ghosh, ristorante arabo a una decina di chilometri da Gerusalemme. «Gli smartphone hanno distrutto il piacere di mangiare fuori» ha detto il titolare Jawdat Ibrahim. Al Bite di Dublino la regola telegrafica à chiara: “No instagramming. Just eat“. Niente foto nemmeno al Ko di New York, lo chef David Chang potrebbe arrabbiarsi, e al Seiobo di Sydney. Proprio dall’Australia è partito l’hashtag #stopPhubbing, ovvero basta ignorare gli altri a favore dello schermo del tuo telefonino.

Il sito dell’iniziativa stopphubbing.com prevede scenari futuri in cui coppie siedono in silenzio, con rapporti basati sugli aggiornamenti di status. Andate a vederlo, ci sono manuali di pronto intervento, foto della vergogna con vip immortalati a fare phubbing, cartellini anti-phubber da esporre sui tavoli e chiamate all’azione. Urgenti. Da noi si è mobilitato contro gli smanettoni inopportuni il sindaco di Udine Furio Honsell, che ha istituto zone cell-free in tutta la città. Bar, ristoranti, hotel, dove gli smartphone dovranno essere spenti o messi in modalità silenziosa. Divieto esteso anche in giunta: «Tutti a smanettare su Twitter, Facebook, con gli sms» lamentava il sindaco. Era ora di finirla.

Ma se qualcuno è a favore della liberazione dai cellulari, altri sostengono l’esatto contrario. La catena america Applebee ha lanciato i “No tech Tuesday”, via la tecnologia almeno per un giorno alla settimana, per poi prontamente smentire la novità tramite il suo portavoce. Non era vero niente. Molti altri ristoranti e bar si attrezzano intanto con zone wi-fi libere, tablet a disposizione e ordinazioni da fare direttamente dall’app.

E voi, ci andreste in un ristorante dove i cellulari sono vietati?

www.puntarellarossa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Gambero Rosso Milano, la guida 2015 ai migliori ristoranti

next
Articolo Successivo

Alimentazione: la moda del crudismo Veg

next