Quando i parlamentari 5 stelle gli vanno incontro per sapere “e adesso?”, Beppe Grillo cerca di mantenere la calma. E’ tornato a Roma per parlare con i suoi e cercare di tenere unito il gruppo. Adesso c’è la trattativa con il Partito democratico, Luigi Di Maio è il capodelegazione che ha permesso l’apertura con i tanto demonizzati democratici di Renzi e adesso non si può tornare indietro. Non a metà della traversata. “Tenete duro, resistete”, ha detto ai suoi in riunione. “Anche Casaleggio”, ha annunciato, “da settembre prenderà casa a Roma. Anche per coordinare l’indirizzo generale del Movimento”. Una informazione poi smentita dallo staff: “Non è vero. Semplicemente tornerà ad essere più presente per aiutare il coordinamento tra i parlamentari”.

Video di Manolo Lanaro

Il leader 5 stelle è arrivato verso mezzogiorno, ha assistito a pochi minuti di dibattito in Aula sulla riforma del Senato e poi ha pranzato al ristorante di Palazzo Madama. Il Pd lo ha attaccato su Twitter: “Ma non era il ristorante della kasta?”. Ma nei giorni di trattative tra le parti si ingoiano anche le provocazioni. Qualcuno nel gruppo soffre ripensando alle battaglie sui tetti o all’ostruzionismo che ha portato alla sospensione di molti. E Grillo cerca di spiegare che c’è un senso nel cambio di passo: “Giovedì andiamo da Renzi e vediamo quello che accade”, ha detto Grillo ai suoi, pur precisando che anche per lui è dura da digerire la linea ‘aperturista’. Per ora, però, è quella la strada da battere, poi da settembre ci saranno novità anche sul fronte della comunicazione. “Dobbiamo riuscire a veicolare un messaggio positivo – ha ribadito Grillo ai suoi – spiegare com’è il mondo a 5 Stelle che vogliamo”.

Poi conversando con i cronisti di Palazzo Madama Grillo ha precisato: “Non vengo a dettare la linea,ma vengo a salutare i parlamentari e a rassicurarli perché sono depressi visto che ormai non prendete nemmeno in considerazione le loro proposte”. E ha aggiunto: “Siete a un bivio della democrazia. Il Paese, in questo momento, è a un bivio e a me piacerebbe che foste voi, una volta nella vita, a scardinare un potere subdolo e fatto di menzogne”.

 

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, M5S a Pd: “Ok incontro giovedì. Aspettiamo risposte su preferenze”

next
Articolo Successivo

Riforme, 7mila emendamenti: 6mila solo di Sel. Centinaia anche dai dissidenti di Fi

next