Il ‘Green Bar’ di viale Ceccarini a Riccione sotto sequestro da parte della Guardia di Finanza. Uno dei locali più noti e frequentati della riviera, al centro del ‘salotto bene’ della Perla Verde, è finito tra i beni sottoposti dal Tribunale di Rimini, sezione penale, a sequestro e confisca perché riconducibile al patrimonio di un 45enne di Napoli con alle spalle una pena patteggiata per tentata estorsione e “un’abitudine” ad evadere le tasse. Il sequestro della totalità delle quote della srl che gestisce il Green Bar, notificato questa mattina dai finanzieri del comando provinciale, rientra nell’ambito del Progetto ‘Emmepi’, finalizzato all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati attraverso l’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniale.

Nel caso del Green Bar, le indagini del Nucleo di polizia tributaria della Gdf hanno consentito l’applicazione del Nuovo Codice Antimafia per un soggetto pregiudicato, ritenuto socialmente pericoloso anche in ragione di condotte illecite derivanti dall’evasione fiscale perpetrata negli anni. In sostanza, secondo le Fiamme gialle, l’acquisizione del Green Bar è stata fatta grazie a soldi non dichiarati al fisco. L’indagine nasce da un lavoro di ‘intelligence’ del nucleo di polizia Tributaria,che ha puntato l’attenzione sul settore turistico-commerciale della costa romagnola.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto, operai Ogr Ferrovie: “Già 200 morti. Abbiamo paura di un colpo di tosse”

next
Articolo Successivo

Dimissioni Errani, il ministro Lanzetta: “Elezioni regionali tra ottobre e novembre”

next