Alas, il social network dei terroristiUna società di intelligence che ha sede in Florida, la Modus Operandi, ha annunciato di voler creare un database che permetterà agli utenti di tenere traccia dei presunti terroristi. Secondo quanto riportato da Venture Beat, il sito, che dovrebbe chiamarsi Alas, funzionerà in modo simile a Facebook. Saranno però gli analisti di intelligence americani, che operano nel settore, ad aggiornare le pagine del profilo di questi cattivi con informazioni a loro pertinenti. E non ovviamente i terroristi stessi. Dunque un social network soltanto per i bad guys che vogliono farci del male.

Il team di Modus Operandi ha già creato un programma incentrato sui terroristi, basato sulla stessa interfaccia di Wikipedia che tutti noi adoperiamo. Attualmente viene utilizzato dal Ministero della Difesa. Ora però vogliono puntare a realizzare qualcosa di più simile a Facebook perché si sono resi conto che molti analisti di intelligence che si sono formati recentemente, sono prevalentemente diciottenni svezzati su piattaforme di social media. Una generazione cresciuta nell’epoca degli aggiornamenti di status.

Dagli attentati dell’11/9, i militari hanno cambiato il loro modo di raccogliere le informazioni. Hanno cercato nuove metodologie per non perdersi potenziali minacce. “I dati Internet sono contorti e complessi. È necessario creare delle connessioni. Se pensate a 9/11, le informazioni erano lì, ma i punti non erano collegati. La nostra tecnologia aiuta a disegnare  queste connessioni”, ha affermato Eric Little, chief scientist di Modus Operandi.

Il software permetterà quindi ai militari di categorizzare le informazioni in modo efficiente, consentendo di agire rapidamente quando necessario. L’obiettivo della società è rendere i dati più facilmente fruibili. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dell’Utri, quei messaggi di solidarietà sul Corriere sono una notizia

prev
Articolo Successivo

M5S a ‘Il Secolo XIX’: l’effetto della strategia mediatica sugli attivisti

next