Lo storico Arcigay di Bologna “Il Cassero” ha annunciato che non parteciperà con uno stand alla Festa nazionale dell’Unità del capoluogo emiliano. A farlo sapere è stato durante il Bologna Pride, il presidente del circolo Vincenzo Branà, che già lo scorso anno aveva preso la decisione di disertare gli spazi della festa in polemica con le timidezze del Pd in tema di diritti. La scelta di quest’anno è ancora più pesante, visto il valore nazionale della festa.

“È importante che nel dibattito dentro al Pd – ha detto Branà – la parte che tira il freno venga fuori. Ci interessa incontrarla”. Quanto alla presenza con uno stand, “non abbiamo bisogno di spazi dentro la festa sapremo conquistarci la nostra visibilità”. Per il presidente del circolo, “Renzi ci deve dimostrare la possibilità di migliorare le proposte in parlamento e di non peggiorarle. La proposta fatta da Renzi è la stessa di Bersani. Spero che la festa metta in calendario un appuntamento per fare un dibattito nel merito”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Onda Pride 2014, Feltri e la Pascale iscritti all’Arcigay: “Ne condividono battaglie”

prev
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, dopo 5 anni soldi benefit ancora in casse della Misericordia

next